Mercoledì, 18 Settembre 2013 12:00

Brazil! Bis, applausi e lacrime per Yamandu Costa. Recensione. Video

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Assistendo ad un concerto di Yamandu Costa è proprio il caso di dire che quando Madre Natura fa incontrare due anime gemelle scoppiano scintille: i candidati in questione, in questo caso, sono le dita ipersensibili di un giovane gaucho figlio d’arte (i geni del talento ci sono proprio tutti!) e uno strumento musicale del tutto particolare, la chitarra a 7 corde,  che grazie allo speciale tatto delle suddette falangi si trasforma in una vera e propria orchestra.

Figlio della cantante Clari Marcon e del chitarrista e trombettista Algacir Costa, Yamandu apprende l’uso di questo particolarissimo strumento a soli 17 anni tanto da venir chiamato, proprio per il suo tocco originalissimo, ad aprire un concerto del grande Baden Powell. Un incontro incisivo che segna una forte determinazione ad interpretare i classici brasiliani in una maniera inconfondibile, segnata dalla commistione di sensibilità, tecnica e trascinamento emotivi .

 

 Lunedì sera, nella gremita sala dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, proprio questo cocktail esplosivo è stato l’impulso che ha guidato il concerto del trentatreenne chitarrista di Rio Grande do Sul in occasione del festival Brasil. Ad aprire lo show, ricco peraltro di battute ironiche autoreferenziali e gag a sorpresa, vi era perlappunto un homagem al Maestro, compiuto dapprima tramite una estatica interpretazione di Petit Valse e, successivamente, con un brano dedicato al “Menino” Powell. La performance si è poi districata in un percorso pervaso da uno stile personalissimo che ha saputo alternare differenti generi musicali – dalla zamba allo chamamé – con pennellate a volte nostalgiche a volte sprizzanti di energia vitale. Sarà stato il tè “afrodisiaco” che beveva – come ha scherzato col suo pubblico multigenerazionale – ma è certo che il folle amore per la musica e ciò che essa riesce a trasmettere era il motivo conduttore di ogni brano, commentato sentimentalmente da un interprete che aveva il raro dono di immergere il proprio interlocutore in un preciso contesto tecno-storico-emotivo. 

 

Una preziosa opportunità dunque, per gli eletti convenuti, di assaporare con senso l’oggetto del proprio ascolto, sia esso una ninnananna dedicata al figlioletto di pochi mesi dolorante di colica (Bem Vindo), un frenetico ed inusitato choro (Choro loco) in cui la velocità esecutiva si sposa alla perfezione sonora, sia un nostalgico samba (Samba Pro Rafa, dedicata a Raphael Rabello), un tributo al suo amatissimo strumento (El Negro Del Blanco) o alla sua terra di confine (Sarará): quel che è certo è che ogni composizione era segnata dalla perfetta sincronizzazione tra accordi e cadenze ritmiche e circolazione del sangue, in una simbiosi tra movimento delle dita e ondulamento del possente corpo, tra sguardo in trance e mani vigilanti, perfette compagne di una cassa armonica in continua evoluzione. Bis con applausi e lacrime strameritate, nel quale ha spiccato il divertissement napoletano a mo’ di tarantella (quasi un’improvvisazione volutamente regalata al caloroso pubblico) e un commovente Carinhoso che ha coinvolto l’intera platea italo-brasiliana in un estemporaneo ma efficace dialogo sussurrato tra voci e corde, emblema di un rito quasi sacrale, nell’interazione performer-fruitore, che con Yamandu Costa si ripropone costantemente ed incredibilmente ad ogni nuovo concerto.

Yamandu Costa - Disparada

 

 

 

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Spike Lee Presidente della Giuria

Il settantatreesimo Festival di Cannes si svolgerà dal 12 al 23 maggio 2020, il regista americano Spike Lee sarà Presidente della giuria. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]