Sabato, 05 Settembre 2020 09:59

Venezia 77. Concorso Orizzonti . “Terra desolata”, un film potente sul sacrificio della classe operaia

Scritto da

In “Terra desolata” vi è un mattonificio in una località sperduta. Vi lavorano famiglie di etnie varie e il loro capo sembra essere in grado di risolvere i loro problemi, puntualmente posticipandoli.

Lotfollah, un quarantenne nato nella fabbrica, è il sorvegliante e funge da tramite tra operai e padrone. Quest’ultimo ha chiesto a Lotfollah di riunire gli operai davanti al suo ufficio perché vuole annunciare loro che la fabbrica chiuderà. E adesso a Lotfollah l’unica cosa che importa è proteggere Sarvar, la donna che ama. 

In rigoroso  e incisivo bianco e nero, potente come il respiro delle grandi tragedie, crepuscolare, il secondo film dell’iraniano Ahmad Bahrami The Wasteland è un viaggio in un microcosmo ingrato, dove in una cava soffocante uomini, donne e bambini fabbricano mattoni, per un proprietario che vive in città e li paga quando può. L’uomo di fiducia del padrone è Lotfollah, nato e vissuto nella fornace, ha quarant’anni ma ne dimostra molti di più. Lì sono tanti i lavoratori che non hanno carta d’identità, né conoscono la loro età anagrafica: uno di loro confessa di aver superato i sessant’ anni benché sul documento ci sia scritto 50.

La vita di Lotfollah è trascorsa in quella terra arsa dal sole e dalla fornace. Lui si è occupato di sedare le rivendicazioni dei curdi, ha cercato soluzione a un matrimonio, ha fatto da mediatore e paciere, accompagnato settimanalmente la donna di cui è innamorato in un viaggio misterioso. Gli operai si sono sempre mossi in claustrofobiche caverne, schiacciati dalla fatica, accettando uno sfruttamento totale perché non immaginano altro. Fino al giorno in cui tutto si svuota e la fabbrica chiude. Il finale lascia senza fiato, messaggio universale fa pensare alle ostie – il corpo e il sangue di Cristo diventato nutrimento - in cui si trasformano milioni di uomini  che hanno la funzione di produrre totalmente a vantaggio di altri uomini.

Ahmad  Baharami, il regista iraniano di Dashte Khamoush (Terra desolata) racconta l’ispirazione che ha alimentato il suo film in concorso Orizzonti: “Mio padre ha lavorato in fabbrica ed è andato in pensione dopo trent’anni di fatiche. Vado fiero di lui e, da quando ho imparato a girare film, ho sempre voluto realizzarne uno su di lui e sul suo onorevole impegno. Il mio film Dashte Khamoush è un omaggio a mio padre e a tutti coloro che, in ogni parte del mondo, lavorano duramente. Quei lavoratori senza i quali la civiltà degli uomini non avrebbe raggiunto l’attuale livello di progresso”.

Regia di Ahmad Bahrami. Con Ali BagheriFarrokh NematiMajid FarhangMahdieh Nassaj. Titolo originale: Dashte Khamoush. Titolo internazionale: The Wasteland. Genere Drammatico - Iran2020durata 102 minuti. 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation composta da Damien Bonnard, Rachid Bouchareb, Claire Burger, Charles Gillibert, Dea Kulumbegashvili et Céline Sallette,  ha assegnato sulla scena del Grand Théâtre Lumière...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

E se fosse l'anno buono della Roma?

E se fosse l'anno buono della Roma?

Ad inizio campionato non era ritenuta tra le favorite per la lotta allo scudetto.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]