Mercoledì, 08 Maggio 2013 15:47

Teatro Argentina. 9 maggio "Ciò che resta del fuoco"

Scritto da

Giovedì 9 maggio a partire dalle  21.30 il Teatro di Roma spalanca le porte ad una lunga notte dei libri, una chiamata collettiva per restituire voce e immagini a quella straordinaria letteratura che i nazisti hanno provato a cancellare con i roghi cominciati a Berlino negli anni ‘30. 

Come una diga per contenere la scomparsa dei libri e con essi delle storie e dei linguaggi, per non dimenticare e per ricordare. 

La sera del 9 maggio - anche anniversario della nascita dell’Europa - al Teatro Argentina il pubblico non assisterà a uno spettacolo, piuttosto entrerà in una biblioteca abbandonata, un grande spazio messo a fuoco e sigillato - quel che resta di un teatro - la sala coperta di cellophane e cenere, con una grande pila di libri nel suo centro e tutt’intorno, sul palco e in platea, sedie tra libri e microfoni pronti all’uso. 

Sui palchetti, come tante scialuppe di salvataggio, alcune librerie indipendenti esporranno i loro libri salvati. 

I cittadini diventeranno lettori ‘estemporanei’ chiamati a partecipare attivamente, e invitati ad entrare, ascoltare, selezionare e leggere alcune pagine dai libri della grande pila accatastata sul palcoscenico.

Per tutta la notte chiunque potrà entrare in teatro, scegliere una pagina che vuole salvare e leggerla a uno dei microfoni. 

Portatori delle parole ritrovate saranno anche alcuni attori, con la lettura de “I roghi dei libri” di Leo Lowenthal e alcune tra le pagine più belle di quella letteratura – come filo rosso della serata – accanto alle note del clarino di Gabriele Coen, del pianoforte di Alessandro Gwis, e della voce di Miriam Meghnagi, che accompagneranno la lettura dei libri “salvati ”. 

La serata è il momento conclusivo di una giornata che ha inizio con un incontro nell’Aula Magna del Rettorato di Roma Tre alle ore 17.30, risultato di un percorso intensivo di formazione che ha coinvolto oltre un centinaio di docenti e numerosi studenti dell’Ateneo. Incontro a cura di David Meghnagi, direttore del Master internazionale di II livello in didattica della Shoah, e di Luciano Violante.

 

Giovedì 9 maggio 

dalle 21.30 – Teatro Argentina

ingresso libero

un progetto di 

Teatro di Roma

realizzato da 

lacasadargilla – Muta Imago

e tutti i cittadini che vi parteciperanno

video proiezioni 

Daniele Spanò

 

interventi musicali 

Gabriele Coen – Alessandro Gwis

voce 

Miriam Meghnagi

in collaborazione con 

Master internazionale in didattica della Shoah 

Università degli Studi RomaTre – RaiTeche – RaiStoria e RaiNews24 

 

e con le librerie 

Assaggi – Fahrenheit 451 – L'Argonauta Libri per viaggiare 

 Libreria delle Donne Roma Tuba – Libri Necessari – Robin è Nero su Bianco 

 Serendipity – Simon Tanner – Tara – Zafari 

 

un ringraziamento a 

Fabio Alberti – Yassir Goretz – Istituto Luce – Mariangela Mincione

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]