Venerdì, 16 Maggio 2014 14:06

Cannes 2014. “Tutte donne meno io”, direbbe Mastroianni

Scritto da

CANNES - “Tutte donne meno io” era il titolo di uno spettacolo di rivista degli Anni Cinquanta, protagonista Macario, circondato sulla scena da quaranta  ballerine, le famose  “donnine”. Oggi, “tutte donne meno io” potrebbe tranquillamente dirlo, da lassù da dove si gode lo spettacolo,  Marcello Mastroianni la cui fotografia, la più bella di uno già bello di suo, campeggia sulla Croisette perché è a lui che il festival di Cannes  quest’anno è dedicato.  

E’ il festival delle donne. Ce ne sono in quantità  e a tutti i livelli. A cominciare da Jane Campion, regista neozelandese che è stata messa a capo della giuria del concorso e sarà lei quindi a guidare verso i  verdetti o che assegneranno  i palmares gli otto giurati, la metà dei quali sono donne: l’americana Sofia Coppola,  figlia d’arte, la francese  Carole Bouquet,  l’iraniana  Leila Hatami,  la coreana Jeon Do-yeon.   Anche una giuria minore, quella che assegnerà il premio al  miglior regista esordiente, è presieduta  da una donna, l’attrice Nicole Garcia, e quella che  premierà il miglior cortometraggio è, si, diretta da  Abbas Kiarostami ma affiancato da due colleghe: la regista Noemi Lvovski e la sceneggiatrice Daniela Thomas. 

Intanto, apertura alla grande con due donne di spicco: la Grace Kelly protagonista  del bio-movie  di Olivier Dahan  e Nicole Kidman che la  interpreta . A contendersi la Palma d’oro, almeno nelle previsioni degli esperti di Croisette,  altre  donne di valore: la regista giapponese Naomi Kawase con il suo Still the water, e la nostra Alice Rohrwacher,  sorella regista della più nota Alba, che  per uno spaccato familiare tutto al femminile ha chiamato sul set oltre alla Rohrwaker  attrice  anche  Monica Bellucci, indiscussa  bellezza cinematografica oltretutto amatissima in Francia, come è stato per Claudia Cardinale. I francesi loro,si, che amano le donne! 

Una sezione  molto importante del Festival , “Un certain regard“,  si apre con un film, Party Girl,  ispirato alla vita da entraneuse attempata  comunque seducente impersonata dalla sessantenne   Angelique Litzenburger , e prosegue con il film Incompresa di cui Asia Argento è protagonista in un ruolo molto autobiografico: due personaggi femminili intensi, due donne di spessore.

E ci sarà anche Sophia Loren, che il 20 settembre  prossimo compirà ottant’anni . Lei sembra non curarsene, e a Cannes sarà protagonista  de La voce umana,  il film che il figlio Edoardo Ponti ( ricordate? Era il piccolo Dodò, cocco di mamma)  ha tratto dalla pièce di Cocteau.  Ma con Sophia ci saranno altre donne di cinema a livello internazionale: Meryl Streep, Charlotte Gainsburg,  Gong Li, Hilary Swank, Berenice Bejo. 

Almeno dal programma, anche quest’anno Cannes tutto al femminile,  si conferma  la più internazionale delle manifestazioni cinematografiche. Con tanti saluti a Venezia   che vanta una storia ben più illustre, come sezione cinematografica di una Biennale d’arte  che comprende anche musica, teatro e arti figurative, ma che di fronte alla sfacciata capacità di vendersi   dell’ex- villaggio di pescatori  a pochi chilometri da  Nizza, purtroppo deve cedere il passo. E  ogni anno anche  qualche invitato illustre i  e qualche film importante. Noblesse oblige, ma oggi non paga.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]