Martedì, 21 Aprile 2015 17:38

Road 47. La Liberazione che non t’aspetti. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Si avvicina la festa della Liberazione e il regista Vicente Ferraz ci serve su un piatto d’argento un film che riesuma dal sepolcro dell’ oblio un avvenimento storico tanto interessante quanto poco conosciuto. 

Durante la seconda guerra mondiale un gruppo di militari brasiliani viene inviato in Italia per combattere l’ Asse lungo la famigerata Linea Gotica. Sull’ appennino tosco-emiliano questi uomini dovranno affrontare i nazisti, nonché l’ inclemente generale inverno. Lo scoppio di una mina crea il panico fra le truppe che rischiano di perdere la bussola e smarrire la fiducia in se stessi. Hanno una sola possibilità di riscatto: dovranno trovare la famigerata “Road 47”, sminarla, salvare se stessi e i partigiani italiani rifugiati nel paese di San Giusto. Riusciranno a trovare la concentrazione, il coraggio e la forza necessari ad un impresa che si fa sempre più ardua?

Il regista Vicente Ferraz è un autore di documentari e in questo film drammatico pieno d’ umana sofferenza non concede spazio alla facile spettacolarizzazione dei sentimenti. “Road 47” è privo di inutili barocchismi e non calca la mano né sui personaggi, né sulle vicende narrate. Non vi sono eroi, bensì uomini fragili, esposti al continuo pericolo di morte. Una morte di cui, lontani dalle logiche di potere, non si comprende veramente il senso. La narrazione ci fa seguire passo dopo passo i patimenti di questi soldati che diventano progressivamente più familiari. Ferraz tratteggia personaggi realistici di cui progressivamente conosciamo i pensieri, di cui lentamente avviciniamo l’anima. La paura è l’ emozione primordiale che pervade l’animo di persone coinvolte in un dramma universale che mette a dura prova la resistenza. Eppure questi soldati, provati nel corpo e nello spirito, hanno qualcosa di cui nella società moderna si sta perdendo traccia: al di là d’ogni logica utilitaristica possiedono un codice morale, una linea etica da seguire anche nelle condizioni più disumane ed avverse. Ferraz utilizzando un linguaggio cinematografico semplice e diretto mantiene il focus sui risvolti affettivi dei fatti e non privilegia mai i fatti in quanto tali. Dà significato a queste vicende, a queste vite. A dispetto di alcune debolezze il film riesce gradualmente a penetrare in profondità ed emozionare. Memorabile la scena in cui i soldati brasiliani si mettono a chiacchierare con divertimento e coinvolgimento col prigioniero nazista. Per il resto ve lo auguro io, ve lo augura il film:  buona festa della Liberazione a tutti. 

REGIA: Vicente Ferraz

ATTORI: Daniel de Oliveira, Richard Sammel, Sergio Rubini, Julio Andrade, Francisco Gaspar

SCEGGIATURA: Vicente Ferraz

FOTOGRAFIA: Carlos Arango De Montis

 PRODUZIONE: Brasile/Italia

GENERE: Drammatico

DURATA: 108 minuti

USCITA NELLA SALE: 23 Aprile

Road 47 - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]