Giovedì, 06 Agosto 2015 16:16

Globe theatre. “Molto rumore per nulla”: fresco come un frutto appena colto

Scritto da

ROMA - “Molto rumore per nulla”(titolo originale Much Ado About Nothing) è una pièce teatrale scritta da William Shakespeare tra la fine del millecinquecento e l’inizio del millesei, nella versione dell’autore ambientata a Messina.

Pur potendosi considerare, per i suoi temi amorosi e la quantità degli elementi giocosi e farseschi, un’opera brillante e romantica, in realtà il suo spirito è tragicomico, fedele all’identità del Bardo.

Il soggetto di “Molto rumore per nulla” può sintetizzarsi così: un gruppo di soldati torna dalla guerra e si accampa a palazzo, invadendo lo spazio delle donne. Uno sconfinamento territoriale che è soprattutto psicologico, dove la trincea è scavata dalle rispettive paure. I ruoli sono rimessi in discussione: l’immagine maschile non è più guerriera, la donna non è prettamente angelo del focolare. Benedetto e Beatrice, leader dei rispettivi schieramenti, si affrontano verbalmente, a colpi di battute ironiche, divertendo gli spettatori. I due sono specularmente simili. Inflessibili e ostinati come adolescenti, paralizzati da ansie che li rendono comici. Lei, rivestita di una corazza maschile, parla in modo paritario con signori di alto rango: comportamento generalmente condannato in una donna e accettato solo per la sua professione di castità. Entrambi terrorizzati dal prendere contatto con il loro inconscio, dall’esternare le emozioni più reali, dal gettare la maschera.   Al culmine delle scaramucce lui pronuncia la geniale riflessione shakespeariana: quando il corteggiamento è tra due individui troppo intelligenti, lo stato di conflitto non può che essere scontato. I due – esattamente come oggi – si difendono dal precipitare in una relazione nuova e incontrollabile. Il Bardo indicava così, ben cinque secoli fa, la moderna necessità di rapporti osmotici tra i due sessi, non simbiotici. Mentre sappiamo che, tuttora, una donna che pensa incute timore a molti maschi, che lo stereotipo della sposa ideale coincide con l’acquiescenza domestica.

 “Molto rumore per nulla” è una costruzione edificata attraverso la schermaglia delle parole, le loro ferite in punta di fioretto, un fiume verbale che spinge gli uomini ad amare e combattere, apice che deflagra nell’eccitazione sessuale e nei conflitti, basati a volte sul niente. Loredana Scaramella, ottima regista coadiuvata da attori eccellenti, ha decretato il successo della pièce al Globe Theatre – Molto rumore per nulla sarà in scena fino al 30 agosto – spostando l’ambientazione dalla Sicilia all’affine Salento, irrobustendo il tessuto musicale suggerito dal testo con balli e canti che mescolano l’impronta rinascimentale alla tradizione del luogo. Si orecchiano così “saltarelli” salentini, non identificabili con altro e sicuramente particolari. La Scaramella ha saputo rendere contemporaneo e coinvolgente - caleidoscopico nelle esternazioni variopinte delle maschere, nella scenografia minimalista e funambolica, dove lo spartiacque tra la parola professata e l’inconscio è tracciato da una corda tesa o altalenante - un argomento che parla della faticosa catarsi dell’anima. Così giovane in Shakespeare, giacché ieri sera l’affascinante scrigno elisabettiano era popolato da schiere di ragazzi che hanno riso e battuto le mani, facendosi trascinare dell’erotismo fresco dello spettacolo. Conoscendo il momento difficile che attraversa il Globe - e non solo questo teatro - auguriamo ai suoi dispensatori di bellezza lunga vita.

Silvano Toti Globe theatre

Largo Aqua Felix (Piazza di Siena) – Villa Borghese, Roma

Molto rumore per nulla

Dal 5 al 30 Agosto 2015 ore 21.15

regia di Loredana Scaramella
traduzione e adattamento di Loredana Scaramella e Mauro Santopietro
Prodotto da Politeama Srl

Interpreti
(in ordine alfabetico)

MARGHERITA
CLAUDIO
SORBA
ERO
DON PEDRO
SECONDA GUARDIA
FRATE FRANCESCO
BORRACIO
LEONATO
ANTONIO, GIUDICE
DON JUAN
BEATRICE
CORRADO
ORSOLA
CORNIOLO, BALDASSARRE
BENEDETTO
PRIMA GUARDIA

LARA BALBO
FAUSTO CABRA
CRISTIANO CACCAMO
MIMOSA CAMPIRONI
FEDERIGO CECI
JACOPO CROVELLA
DIEGO FACCIOTTI
ALESSANDRO FEDERICO
DANIELE GRIGGIO
ROBERTO MANTOVANI
MATTEO MILANI
BARBARA MOSELLI
IVAN OLIVIERI
LOREDANA PIEDIMONTE
CARLO RAGONE
MAURO SANTOPIETRO
FEDERICO TOLARDO

Musiche eseguite dal vivo dal
Michele Di Paolo, Luca Mereu , Antonio Pappadà

MAESTRO MOVIMENTI DI SCENA
Alberto Bellandi

COSTUMI
Susanna Proietti

MUSICHE
Stefano Fresi

ASSISTENTI ALLA REGIA
Francesca Cioci e Ivan Olivieri

ASSISTENTE AI COSTUMI
Piera Mura

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]