Domenica, 01 Novembre 2015 15:39

Teatro Parioli. L’eros di Parigi nello strepitoso Balletto di Milano. Video

Scritto da

La nuova stagione del Teatro Parioli Peppino De Filippo si è aperta  con lo spettacolo La vie en rose…Bolero , con la compagnia del Balletto di Milano. A Roma fino al primo novembre. Da non perdere.

 ROMA – Il Balletto di Milano è tornato dopo qualche anno nella Capitale per presentare una  produzione di grandissimo successo: “La vie en rose… Bolero” con le coreografie di Adriana Mortelliti. Dieci minuti di battimani al teatro Parioli e sonori “bravo!” Anche se per la compagnia questa è consuetudine: da Mosca a Casablanca, Losanna, Ginevra, Cottbus e, naturalmente nelle tante piazze italiane, sono assodati i sold out e le standing ovation. Complice l’erotismo tutto francese, perfettamente interpretato da figure perfette, padrone della tecnica e capaci di emozionare.

La prima parte fa vibrare il cuore con le più belle canzoni di Charles Aznavour, Jacques Brel, Edith Piaf e Yves Montand: risuonano motivi che conosciamo, che parlano in primis d'amore e solitudine - ad esempio  “La vie en rose” e “Ne me quitte pas” -  ma anche di amicizia, indifferenza, gioia, alcuni divertenti e ironici, tutti accompagnati da origami in movimento, ghirlande di corpi, seducenti giravolte, nere farfalle stilizzate, stereotipi culturali tradotti nel linguaggio artistico della danza, che rende plastico e visibile l’appeal della “Ville lumiére”. Il tempo letteralmente vola.

Nella seconda parte Boléro di Maurice Ravel sorprendentemente inizia con un suono di gocce d’acqua, simbolo di nascita e unione, in una coreografia che rimanda al fascino esistenzialista, appositamente creata per il Balletto di Milano: i danzatori raffigurano  miriadi di incontri, il proliferare della vita sorretta dall’amore. Un coreografia che cresce in maniera esponenziale, come esponenzialmente cresce la musica celebre del Bolero di Ravel.

Nella performance risaltano le caratteristiche tecnico-artistiche e  la grande versatilità degli interpreti, quindici danzatori del Balletto di Milano tra i quali la giovane star dai capelli rossi e il fisico scultoreo Federico Veratti  e la seducente Angelica Gismondo, sinuosa e plastica, entrambi protagonisti di Bolero. “La vie en rose… Bolero” è una realtà che annuncia un successo non solo consolidato, prevedibilmente crescente.

“La vie rose… Bolero” – Balletto di Milano - Video

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]