Sabato, 16 Giugno 2018 15:13

“Dei”, film di Cosimo Terlizzi prodotto da Valeria Golino e Riccardo Scamarcio

Scritto da

Cosimo Terlizzi, nato nel 1973 a Bitonto (Bari),  ha sviluppato la sua creatività con l’uso di diversi media, dalla fotografia alla performance, alla video arte. Le sue opere sono state esposte nei musei, tra cui: la Galleria d’Arte Moderna di Bologna, la Fondazione Merz di Torino, la Galleria Civica d’Arte Contemporanea di Trento, il MACRO di Roma, il National Museum of Breslavia in Polonia, la Galerie C di Neuchâtel. Ha realizzato, tra l’altro, il documentario naturalistico Murgia, un cult movie indipendente tra i più premiati in Italia. 

“Dei” è il suo primo lungometraggio fortemente voluto da Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, che l’hanno altresì prodotto insieme con altri. Racconta la storia del diciassettenne Martino, figlio di povera gente che vorrebbe andare all’università, se non fosse per i problemi economici della famiglia.  In attesa di una svolta, di nascosto, Martino raggiunge Bari con un’amica per frequentare l’ateneo, anche se non è iscritto. A Bari incontra un gruppo di studenti che fanno musica e lega con loro perché gli appaiono come un modello al quale vorrebbe aderire. L'unica proprietà di valore dei suoi è un albero di ulivo e Martino spera che i genitori lo mettano in vendita per farlo studiare. Tra una lezione di storia dell’arte e la curiosità per l’universo, del quale osserva i movimenti della luna, inizia l’attrazione del ragazzo verso un mondo che gli sembra popolato da “dei”, nel quale arde di far parte al punto da scappare di casa …

Il giovane documentarista pugliese Cosimo Terlizzi debutta nel lungometraggio di finzione con un racconto di formazione nel quale tuttavia fa  fatica a distinguersi, troppi i deja vu e la mancanza di originalità La padronanza estetica di Terlizzi non arriva a riempire l’assenza di ritmo narrativo: dialoghi non avvincenti e didascalici rendono piatto il film, pur se l’autore ha talento sufficiente per perfezionare questo nuovo filone.

Regia: Cosimo Terlizzi (opera prima)
Anno di produzione: 2018
Durata: 90'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Buena Onda; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: Europictures
Data di uscita: 21/06/2018
Formato di proiezione: DCP, colore

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Amanti sospesi nel tempo

Sei entrato nella stanza  uno sconosciuto  come io sconosciuta per te. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Damar

(A Stefano. Il ricordo è un piccolo granello che riempie lo spazio dell'assenza)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’Italia e gli italiani nel cinema albanese

Il cinema albanese è stato il protagonista di questa primavera romana appena conclusa. Dopo aver conquistato la vittoria alla decima edizione del Francofilm – il Festival del cinema francofono organizzato...

Romano Milani - avatar Romano Milani

ITC Farma punta sui giovani: coltivare oggi i talenti di domani

La sinergia tra accademia e impresa è un passo necessario per la crescita del Paese

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]