Martedì, 24 Settembre 2019 09:31

“I fantasmi della libertà – Cinema, democrazia e dittature”

Scritto da

Trevignano FilmFest  - ottava edizione  da giovedì 26 a lunedì 30 settembre 2019  Inaug

ura giovedì 26 settembre alle ore 18,30 l’ottava edizione del Trevignano FilmFest Il “piccolo, grande festival” in programma nello storico Cinema Palma della cittadina sul lago di Bracciano che si svolge con il patrocinio della Camera dei Deputati della Regione Lazio e del Comune di Trevignano Romano. 

Ai saluti della sindaca di Trevignano Romano, Claudia Maciucchi, del presidente della rassegna, Corrado Giustiniani e del direttore artistico, Fabio Ferzetti farà seguito la prima delle 14 proiezioni in programma, tutte incentrate sulla crisi della democrazia.

Si inizia quindi giovedì 26 alle ore 19.00 con "L'uomo che non cambiò la storia" documentario di Enrico Caria sulla curiosa vicenda dell’archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli, che accompagnò in visita d’arte a Firenze e a Roma Hitler e Mussolini con il proposito (rimasto tale) di ucciderli. Al termine il regista incontrerà il pubblico.

Verranno proposti agli spettatori otto film di fiction e sei documentari. Un’anteprima assoluta sull’uscita in sala è “Herzog incontra Gorbaciov”, documentario dell’illustre regista tedesco, che sarà commentato da Francesca Sforza, giornalista della Stampa, già corrispondente da Mosca. Una primizia è anche il danese “Sons of Denmark”, con il regista Ulaa Salim che immagina le elezioni danesi del 2025, dominate da xenofobia e azioni terroristiche. “What is Democracy”, della canadese Astra Taylor, introduce il tema, muovendo da Platone per arrivare ai giorni nostri. Lo sguardo del FilmFest, rassegna animata da un team di giornalisti volontari, è rivolto anche al nostro passato. Ad esempio, vedremo il documentario di Pietro Suber “1938 - Quando scoprimmo di non essere più italiani”, sulle leggi razziali e la deportazione degli ebrei. Assieme all’autore interverrà Lea Polgar, testimone di quei tempi e scampata alle deportazioni. Un film di fiction con una vena tragicomica è “Morto Stalin se ne fa un altro” e  ospite della rassegna sarà il regista scozzese di origine napoletana Armando Iannucci, definito in Inghilterra “Il messia della satira politica”. Molto noto per le sue serie radiofoniche e televisive, tra le quali “Veep”, Iannucci esordì alla regia cinematografica nel 2009 con il premiato “In The Loop” e, dopo “The Death of Stalin”, è appena uscito quest’anno “The Personal History of David Copperfield”.

  “Il vizio del potere” di Jason Reitman racconta invece lo scandalo sessuale che investì nel 1987 il candidato democratico alle presidenziali Usa Gary Hart, interpretato da Hugh Jackman. A commentare il film e a inquadrare i fatti storici  verrà Furio Colombo, giornalista, politico, docente universitario, che sarà introdotto da Luciana Capretti, giornalista del Tg2. “Una notte di 12 anni”, di Alvaro Brechner riprenderà gli anni della dittatura in Uruguay, mentre “Vota Waldo”, gustoso film Netflix di Bryn Higgins della serie “Black Mirror”, storia di un pupazzo che attraverso la tv condiziona pubblico ed elettori, fornirà lo spunto per un confronto sul “populismo digitale”, guidato dai docenti di “Roma 3” Umberto Zona e Martina De Castro.

Un protagonista del cinema americano, come Michael Moore, se la prenderà con Donald Trump, ma anche con Barack Obama, nel suo documentario “Fahrenheit 11/9”.  “I had a dream” è invece un film dell’italiana Claudia Tosi, anche lei ospite del FilmFest, con un affresco sulla crisi di contenuti e di motivazioni della politica nostrana, e a dialogare con lei e con Daniela Depietri sarà Riccardo Barenghi,  de la Stampa, noto anche con lo pseudonimo di Jena.  “In guerra” di Stéphane Brizé è invece una fiction che ci porta in una fabbrica francese di cui è stata decretata la chiusura per spostare la produzione altrove, e a parlarne con gli spettatori sarà Riccardo Staglianò, giornalista di Repubblica e scrittore, mentre nel tradizionale spettacolo del lunedì per le scuole verrà proposto ai ragazzi il gustoso e già pluripremiato “Krenk” di Tommaso Santi, che sarà ospite della rassegna, seguito da “La Mélodie” di Rachid Hami. 

Una navetta gratuita farà la spola fra il grande parcheggio all’inizio del paese e il cinema, nell’orario degli spettacoli. Quest’anno, oltre al pieghevole con le schede di tutti i film, realizzate da Fabio Ferzetti, e a una raccolta di giudizi della stampa internazionale, curata da Michele Concina, verrà donato agli spettatori un opuscolo che ricorda le sette edizioni precedenti della rassegna a tema, dedicate a: cinema e scuola, crisi economica, migrazioni, religioni, diritti negati, il futuro e, nel 2018, il viaggio. Con 10 euro, quelli dell’iscrizione all’Associazione culturale Trevignano FilmFest, gli spettatori fruiranno di tutti e quattordici i film. Non si entra, naturalmente, a posti esauriti.

Presidente del Trevignano FilmFest è Corrado Giustiniani, direttore artistico Fabio Ferzetti, gli altri giornalisti del team sono Luciana Capretti, Enrico Cattaneo, Michele Concina, Valeria Riccioni, Fausta Savone. Collabora da Los Angeles Silvia Bizio, che ha diretto le prime due edizioni.

www.trevignanofilmfest.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]