Lunedì, 12 Marzo 2012 14:24

Politeatro. “6+1, Lavorare è un vizio”: donne e lavoro. Recensione

Scritto da

MILANO -  Al Politeatro di Milano sta quasi arrivando a conclusione la sesta edizione di “Camminando attraverso la voce”, rassegna del Teatro Amatoriale nata per dare maggiore visibilità alle migliori compagnie del paese e per avvicinare l’arte teatrale ad un pubblico più vasto.



In occasione dell’8 Marzo, la terz’ultima data è stata riservata ad una compagnia tutta al femminile, le Gatte da pelare di Barberino di Mugello, che ha messo in scena 6+1, Lavorare è un vizio, una commedia sul mondo del lavoro visto dal punto di vista di nove donne. La scenografia è mastodontica, una vera e propria piramide di scrivanie che rappresenta un’azienda fantozziana, con alla base le donne della pulizia e le segretarie, nel centro i quadri e in cima nient’altro che Lei, la grancapa, che tutti riveriscono e temono.

Entra in questo mondo una giovane precaria, in cerca di un contratto, che deve passare l’esame di tutte le altre donne e che così che ce ne mostra i difetti: le donne della pulizia sono pelandrone, le segretarie invidiose, nei quadri invece si trova una ninfomane, una tirchia e una golosa.

L’anno scorso le Gatte da pelare avevano esordito con Pinzimonio Femminile, uno spettacolo liberamente tratto da testi di Luciana Littizzetto, mentre questa volta la compagnia ha provato a curare direttamente il testo, che contiene degli spunti originali, ma che spesso, specie sul finale, si lascia andare a diverse ingenuità.

La realizzazione è divertente, anche se il ritmo spesso è rotto dai cambi scena, che fa scendere la tensione in platea, e da un abuso di musiche ed effetti sonori. Le attrici sono di un buon livello e sarebbe bello vederle alle prese con personaggi meno caricaturali, dato che Lavorare è un vizio è una commedia che non parla tanto delle donne nel mondo di lavoro, ma di come forse le donne si vedono al lavoro.



6+1 LAVORARE È UN VIZIO
COMPAGNIA TEATRALE “GATTA DA PELARE”
Interpreti:
Antonella Albanese
Valeria Carpini
Laura Frascati
Stefania Galeazzi
Giulia Giannassi
Alla Munchenbach
Paola Nardi
Gina Osti
Cristina Sali
Maila Zingaropoli
Adattamento testi: Valeria Carpini e Giulia Gianassi
Collaborazione: Manuela DEL PANTA
Assistente Organizzativa: Rita SCUDIERI
Tecnico Audio: Lorenzo ROSSI

6^ EDIZIONE 2011/2012
CAMMINANDO ATTRAVERSO LA VOCE
Festival del Teatro Amatoriale
Il Politeatro – viale Lucania 18 – MILANO

Prossime date:
14/04/2012    21:00
È successo un 48 (compagnia Entrata di sicurezza)

05/05/2012    21:00
Il piacere dell’onestà (compagnia Eclissi di Salerno)

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]