Lunedì, 12 Marzo 2012 14:24

Politeatro. “6+1, Lavorare è un vizio”: donne e lavoro. Recensione

Scritto da

MILANO -  Al Politeatro di Milano sta quasi arrivando a conclusione la sesta edizione di “Camminando attraverso la voce”, rassegna del Teatro Amatoriale nata per dare maggiore visibilità alle migliori compagnie del paese e per avvicinare l’arte teatrale ad un pubblico più vasto.



In occasione dell’8 Marzo, la terz’ultima data è stata riservata ad una compagnia tutta al femminile, le Gatte da pelare di Barberino di Mugello, che ha messo in scena 6+1, Lavorare è un vizio, una commedia sul mondo del lavoro visto dal punto di vista di nove donne. La scenografia è mastodontica, una vera e propria piramide di scrivanie che rappresenta un’azienda fantozziana, con alla base le donne della pulizia e le segretarie, nel centro i quadri e in cima nient’altro che Lei, la grancapa, che tutti riveriscono e temono.

Entra in questo mondo una giovane precaria, in cerca di un contratto, che deve passare l’esame di tutte le altre donne e che così che ce ne mostra i difetti: le donne della pulizia sono pelandrone, le segretarie invidiose, nei quadri invece si trova una ninfomane, una tirchia e una golosa.

L’anno scorso le Gatte da pelare avevano esordito con Pinzimonio Femminile, uno spettacolo liberamente tratto da testi di Luciana Littizzetto, mentre questa volta la compagnia ha provato a curare direttamente il testo, che contiene degli spunti originali, ma che spesso, specie sul finale, si lascia andare a diverse ingenuità.

La realizzazione è divertente, anche se il ritmo spesso è rotto dai cambi scena, che fa scendere la tensione in platea, e da un abuso di musiche ed effetti sonori. Le attrici sono di un buon livello e sarebbe bello vederle alle prese con personaggi meno caricaturali, dato che Lavorare è un vizio è una commedia che non parla tanto delle donne nel mondo di lavoro, ma di come forse le donne si vedono al lavoro.



6+1 LAVORARE È UN VIZIO
COMPAGNIA TEATRALE “GATTA DA PELARE”
Interpreti:
Antonella Albanese
Valeria Carpini
Laura Frascati
Stefania Galeazzi
Giulia Giannassi
Alla Munchenbach
Paola Nardi
Gina Osti
Cristina Sali
Maila Zingaropoli
Adattamento testi: Valeria Carpini e Giulia Gianassi
Collaborazione: Manuela DEL PANTA
Assistente Organizzativa: Rita SCUDIERI
Tecnico Audio: Lorenzo ROSSI

6^ EDIZIONE 2011/2012
CAMMINANDO ATTRAVERSO LA VOCE
Festival del Teatro Amatoriale
Il Politeatro – viale Lucania 18 – MILANO

Prossime date:
14/04/2012    21:00
È successo un 48 (compagnia Entrata di sicurezza)

05/05/2012    21:00
Il piacere dell’onestà (compagnia Eclissi di Salerno)

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]