Lunedì, 01 Luglio 2013 17:18

Ancora disoccupazione da record

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Il tasso di disoccupazione raggiunge un nuovo record: 12,2%, il livello peggiore dal 1977, toccando addirittura il 38,5% per quella giovanile. Dati che rispecchiano pienamente la drammatica situazione che il  nostro Paese sta attraversando. Di fronte ad una situazione difficile come questa, le misure di rilancio occupazionale studiate dal Governo non risultano sufficienti ed adeguate.


Bisogna fare ben altro.  In una fase come questa la strada da percorrere per far ripartire concretamente, con decisione, l’economia nazionale è avviare un rilancio della domanda di mercato. Se non si farà nulla per arginare la gravissima contrazione dei consumi (che nel biennio 2012-2013 ha raggiunto, secondo l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori il -7,3% con una riduzione complessiva della spesa delle famiglie di 52 miliardi di Euro), gli effetti sull’intero sistema economico saranno devastanti. Le imprese, intatti, continueranno a fare i conti con la contrazione della domanda di mercato, imponendo drastici tagli alla produzione ed agli organici e contribuendo, così, all’ormai inarrestabile aumento della disoccupazione e della cassa integrazione.


È urgente intervenire al più presto per invertire tale tendenza, avviando un serio piano di rilancio della domanda di mercato. In tal senso è urgente ed indispensabile disporre una detassazione a favore delle famiglie a reddito fisso, vale a dire quelle che determinano in larga misura la domanda. Inoltre è necessario superare il deleterio clima di incertezza nel quale vivono i cittadini, che ormai non sono più in grado di pianificare nessun programma futuro: dall’acquisto di un elettrodomestico alla scelta di andare in vacanza o meno. Decisioni che dipendono dai provvedimenti che deciderà di adottare il Governo, soprattutto in materia di IMU, IVA e TARES.
L’IMU, come ribadiamo da tempo, dovrà essere eliminata sulla prima casa (escluse quelle di lusso), l’IVA dovrà rimanere invariata (è necessario, cioè, evitarne ad ogni costo il demenziale aumento), la TARES, invece andrà fatta slittare almeno al 2014.
Infine, per un pieno riavvio del sistema economico, è indispensabile l’avvio di un serio piano di rilancio degli investimenti per la ricerca e lo sviluppo.

Read 1528 times
Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]