Venerdì, 28 Marzo 2014 16:34

Compensi manager partecipate. Dal 1 aprile tetto massimo 311 mila euro

Scritto da

ROMA - Scattano dal 1 aprile i nuovi tetti ai compensi degli amministratori delle società pubbliche non quotate, i cui stipendi non potranno superare quello del Primo presidente della Corte di Cassazione, determinato per il 2014 in 311mila euro lordi.

Sforbiciata in arrivo, ad esempio, per l'ad di Anas e il direttore generale della Rai, che attualmente guadagnano di più. Verranno invece tagliati del 25% i compensi dei vertici di Cdp, Fs e Poste. Lo ha stabilito il Tesoro che, in una nota, ricorda che la prossima settimana entra in vigore il decreto e fa chiarezza sul quadro normativo che regola i compensi. In merito ai compensi degli amministratori con deleghe delle società non quotate controllate direttamente e indirettamente, il Tesoro ricorda che il decreto legge sulla cosiddetta 'spending review' stabilisce che il compenso non può essere superiore al trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione e fissa il limite «in funzione della complessità della società amministrata» definendo tre fasce (della prima fanno parte Rai, Anas e Invimit). Per le società emittenti strumenti finanziari quotati diversi dalle azioni, come Cdp, Fs e Poste, il Tesoro ricorda che non ci sono limiti in valore assoluto alle retribuzioni ma che il Governo ha introdotto l'obbligo di un taglio del 25% rispetto al precedente mandato. In sintesi sono tre le fasce determinate dal Tesoro con cui si stabiliscono i tetti ai compensi dei manager delle società direttamente controllate dal Ministero dell'Economia e non quotate, che entreranno in vigore dal primo aprile. Lo comunica il Mef.

Per gli amministratori delle società della prima fascia, Anas, Invimit, Rai, il tetto è pari al 100% del trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione e sarà così determinato: per l'amministratore delegato 311.658,53 euro e per il presidente 93.497,56 euro. Per gli amministratori delle società della seconda fascia (Coni servizi, Consap, Consip, Enav, Eur (solo amministratore delegato), Gse, Invitalia, Ipzs, Sogei, Sogin), il tetto è pari all'80% del trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione e dunque Ad 249.326,82 e presidente 74.798,05 euro. Per gli amministratori delle società della terza fascia (Arcus, Istituto Luce, Italia Lavoro, Ram, Sogesid, Studiare sviluppo) il tetto è pari al 50% del trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione: amministratore delegato 155.829,27 euro, e presidente 46.748,78 euro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]