Lunedì, 11 Luglio 2011 16:19

Governo senza bussola. Borse senza difesa

Scritto da

MILANO - Certo che l’Italia sembra intenzionatissima a far di tutto per farsi del male, avvitata in una grave forma di tafazzismo, cominciando da manovre al confine del suicidio economico come la ventilata proposta trementina di superbollo sui conti titoli, proposta cui ha fatto ovviamente seguito una piccola ondata di liquidazioni di posizioni secondarie e di chiusura di conti titoli che ha portato un aumento dell’offerta ed ha creato le prime basi per il crollo; e come non citare l’ostinato silenzio in cui il premier-azionista di riferimento si è chiuso nei giorni seguiti alla sentenza Mondadori, lasciando gli azionisti in preda a dubbi ed interrogativi che i mercati mal digeriscono.

In splendida conclusione come non citare la precisione chirurgica con cui stamane è stato annunciato il trasferimento di ben tre ministeri nel Profondo Nord, precisamente i due ministeri sostanzialmente inutili gestiti da Calderoli, autore dell’annuncio, e da Bossi, e fin qui i mercati si sarebbero interessati di tutt’altro, e addirittura il Ministro dell’Economia e Finanze che verrebbe trasferito a Monza ed i cui uffici aprirebbero il 23 luglio alle 11,30. E su questa ultima affermazione anche lo speculatore più sentimentalmente legato all’Italia avrà pensato che, in fondo ce lo stiamo andando a cercare se perdiamo tempo a parlare di queste sciocchezze con tutto ciò che ci succede sul parterre. E venerdì scorso potrebbe essere stato solo l’inizio. Dopo il profondo rosso che aveva fatto segnare Milano, che aveva fermato le lancette della chiusura di venerdì a meno 3,24%, oggi la borsa di casa nostra si è affacciata sull’orlo del burrone, con segni pesantemente negativi ed arrivando a toccare meno 3,40%.
Il minimo d’anno, ad oggi fissato venerdì scorso a quota  18.969 punti è già stato pesantemente ritoccato ed ora Milano gira attorno a quota 18.400.

 

 

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]