Martedì, 07 Gennaio 2014 15:53

In Iraq lo spettro di una nuova guerra civile

Scritto da

BEIRUT - Lo scoppio di violenze che si sta registrando in Iraq minaccia di sfociare in una vera e propria guerra civile. Sono passati appena due anni dal ritiro delle truppe statunitense eppure la tensione in questo Paese martoriato dalla guerra non si è mai placata.

Nella provincia irachena occidentale di Anbar , infatti, i sunniti sono in aperta rivolta contro il governo dominato dagli sciiti del primo ministro Nouri al - Maliki . I militanti affiliati ad AlQaeda hanno approfittato dell'instabile situazione per aumentare la loro presenza sulle zone da dove erano stati cacciati dalle truppe americane,  tra cui la città simbolica di Falluja, luogo in cui le forze americane hanno combattuto la loro battaglia più sanguinosa dalla guerra del Vietnam.

L'esercito iracheno addestrato ed equipaggiato  dai militari degli Stati Uniti  sta lottando con tutte le sue forze per reggere il confronto con quello che è al tempo stesso si può definire come una rivolta populista e una insurrezione militante. 

Lunedi Maliki in un discorso televisivo si è appellato anche alle tribù ed ha esortato gli abitanti di Falluja di  espellere i militanti di al - Qaeda per scongiurare nuovi attacchi e violenze, esattamente come accadde 10 anni fa quando gli  Stati Uniti imposero ai residenti di lasciare la città per evitare il rischio di scontri e violenze. E questa storia si sta ripetendo visto che molti degli abitanti hanno abbandonato le loro abitazioni per dirigersi altrove.

L'amministrazione Obama nel frattempo ha assicurato  di accelerare le consegne di armi al governo iracheno, compresi i missili Hellfire e droni di sorveglianza . Il portavoce della Casa Bianca Jay Carney ha fatto sapere che i funzionari degli Stati Uniti stanno lavorando con il governo iracheno "per sviluppare una strategia  in modo da isolare al- Qaeda - e i gruppi affiliati ".  Ma la maggior parte degli analisti ammettono che il problema non è di facile soluzione, sia per la forte radice di resistenza alla base delle violenze che per il palese fallimento dell'amministrazione Maliki nei confronti dei sunniti che chiedono a gran voce di essere protagonisti dei processi decisionali della coalizione di governo.

Tuttavia, secondo  Kenneth Pollack della Brookings Institution di Washington: "Le armi extra e droni non andranno  a risolvere questo problema. Anzi, faranno addirittura peggio, perché incoraggeranno Maliki a credere che ci sia una soluzione militare a questo problema, innescando una sorta di guerra civile senza quartiere".

 

Va ricordato che l'ultima violenza è scoppiata dopo che Maliki ha inviato la scorsa settimana delle truppe per sopprimere la protesta nella capitale di Anbar, Ramadi , dove i sunniti si erano riuniti per dimostrare contro il governo. Un'azione che ha di fatto provocato l'insurrezione di quasi tutti i sunniti contro il governo centrale.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]