Venerdì, 19 Agosto 2016 08:50

Siria. Attivisti Isis decapitano e crocifiggono due ladri

Scritto da

DAMASCO - I miliziani del sedicente Stato Islamico (Is) hanno decapitato e crocifisso due uomini di una stessa famiglia di al-Mayadin, nella Siria settentrionale, con l''accusa di essere dei ''ladri''.

Lo denunciano gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani. Secondo l''accusa formulata dai jihadisti, i due ''avevano fatto finta di essere uomini della sicurezza dello Stato Islamico, erano entrati in case di ricchi e avevano rubato''. Per questo ''M. A. J.'' e ''M. S. J.'' sono stati giustiziati nella zona di Tayba ad al-Mayadin nella provincia settentrionale di Deir Ezzor. La decapitazione e la successiva crocifissione sono avvenute in piazza alla presenza di decine di persone, compresi bambini. I loro corpi sono stati poi crocifissi, con le teste poste ai loro piedi. E'' quindi stato appeso un cartello con i loro nomi e ''L''accusa: furto di denaro dei musulmani usando il nome dello Stato Islamico. La condanna: decapitazione con la spada, esposizione al pubblico per sei ore e riconsegna di tutto il denaro rubato''.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]