Mercoledì, 07 Novembre 2012 07:49

Obama vince all’alba

Scritto da
Barack Obama Barack Obama

ROMA - E’ stata  una notte inutile. Potevamo tranquillamente andare a dormire e ci saremmo  risparmiati chiacchiere  vuote, sciocchezze, giudizi e previsioni di seriosi commentatori che non sapendo cosa dire si addentravano  in riflessioni contorte.

L’unica cosa certa è stata la notizia che Obama aveva regolarmente cenato a casa sua con  Michelle e figli. Qualcuno, di quelli che la sanno lunga, dice che c’erano anche alcuni dello staff elettorale. Alle tre del mattino ancora si confondevano sondaggi, exit poll, previsioni, proiezioni con voto veri. Arrivavano i voti della Virginia e veniva ammucchiati insieme alle proiezioni della Florida. Accadeva così che nella conta dei delegati si faceva una gran confusione. E sulla base della confusione arrivavano commenti a non finire.  E se ne sentivano delle belle. Per esempio mentre  dall’Ohio arrivavano dati positivi per Obama,  per la proprietà transitiva  viene collegato il voto con il salvataggio dell’industria automobilistica, quindi con Obama che  in questa operazione ha investito tanti, tanti dollari. Ed ecco che arriva Marchionne e qualcuno,  con grande serietà, dice che l’ad del Lingotto ha fatto  vincere Obama. Fra gli altri commentatori  presenti  nello studio del tg3 c’è un momento di  incertezza poi  non è solo Guzzanti padre a sostenere  questa tesi. Ci vuole Bianca Berlinguer a riportare  la questione nei suoi giusti termini. Ridendo, dice “mi pare un po’ troppo, lasciamo stare Marchionne, si sta votando per l presidente degli  Stati Uniti”. Cambiate canale e  andate su quello del tg 7. Lì c’è Ferrara. Anche lui non manca di dire la sua sul voto dei metalmeccanici dell’Ohio. Per la verità lo spunto glielo offre Formigli quando afferma che gli operai dell’auto hanno accettato la riduzione del salario, dimezzato, pur di salvare l’azienda. Ed ecco Ferrara esclamare, “ditelo a Landini”. Sciocchezze  di una inutile perdita di sonno. Arriviamo così  verso le quattro del mattino.  In realtà qualcosa sta avvenendo a Chicago, nella sede dove si trova no i sostenitori di Obama mentre i nostri commentatori dagli studi televisivi continuano imperterriti a snocciolare numeri che non dicono niente.  I fans di Obama danno segni di gioia, ancora contenuta. Lo staff di Obama però si mantiene ancora prudente. Ma il “fremito” che si avverte nel “popolo” di Obama è un segnale. 

 

Ci raccontano anche che nella sede in cui si stanno radunando i sostenitori di Romney è cessata la musica. Fra i commentatori televisivi circola un interrogativo: cosa vuol dire? E già ipotesi, previsioni. Nel frattempo entra in collegamento un giornalista di quelli che la sa lunga. E propone varie ipotesi. Se Obama vince in Florida ma se Romney vince in Virginia, se però Obama conquista l’Ohio, ma se Romney vince nel Wisconsin  e nello Iowa può avere ancora speranza, lo scambio potrebbe durare all’infinito se Bianca Berlinguer non dicesse vediamo qualche scheda.  Ma ormai la teoria dello scambio ha conquistato il primo piano. E arriva la sentenza definitiva: se Obama si aggiudica il Middle West la partita è finita. Si leva una voce a porre fine alla teoria dello scambio: ci vogliano ancora due ore per  dire qualcosa di certo. Poi arriva la Fox a fornire la notizia che Obama è in testa. Boato  nel quartier generale  dei democratici a Chicago dove sono riuniti i democratici.

 

Ma il boato non è ancora finito che la Fox precisa Obama è in testa, però. E dopo la teoria dello scambio arriva quella del sì però.  A questo punto, ormai verso le prime ore del mattino, scompare dalla scena Giovanna Botteri,  che ha tentato per tutta la notte di fornire dati certi. Si è perso il collegamento con il satellite e senza  Giovanna si precipita di nuovo nel nulla. Anzi, no.  La discussione si sposta sul ruolo giocato dai mormoni, dai vescovi. Non solo, arriva la domanda, “ma Obama è di sinistra?”. Ci mancava anche questa. Pare di essere in Italia e scatta così il nostro vocabolario, liberale, moderato, riformista. Poi la più bella della serata. Un arguto editorialista  afferma  che  Clinton  ha sostenuto Obama ma  in cuor suo avrebbe preferito la vittoria di Romney. Così nel prossimo giro si sarebbe potuta candidare Hillary, moglie paziente e tollerante. Un altro dei commentari non condivide ma non trova parole per dire che la signora Clinton ha una certa età. Non vuole passare per un rottamatore e allora  spiega che Hillary è “consumata”, non come età ma come generazione politica.  A far casino ci si mette anche la Cnn. Viene dato l’annuncio che farà una infornata di dati. Grande attesa negli studi televisivi. Ma la montagna partorisce il topolino. Invece di dati certi presenta tre exit poll. Si prosegue nell’incertezza ma a Chicago l’animazione nel quartier generale si fa più viva. Arriva una grande folla.  Sul palco viene piazzato il podio  da cui potrebbe parlare Obama. L’atmosfera si fa sempre più frizzante mentre si attendono le proiezioni degli stati dell’Ovest. La California pesa per ben 55 grandi elettori. Non ci dovrebbero essere sorprese. Poco prima delle cinque del mattino viene dato per certo che Obama è uscito di casa per recarsi nel teatro dove lo attende la folla. Si attende. Da un primo calcolo risulta che i grandi elettori di Obama  hanno superato l’asticella dei 270 voti necessari per aggiudicarsi la presidenza, quando mancano ancora i risultati di diversi stati. Il suo avversario è fermo a 200.  La torre della  celebre televisione si accende di azzurro. La folla straripa, non solo a Chicago. Si animano le strade di New York. L’entusiasmo sale alle stelle. Si canta e si balla. Risuona l’inno americano. Le televisioni diffondono la foto di Barack che abbraccia Michelle. A Boston, al quartier generale di Romney cala il sipario. Su  I democratici hanno vinto, i repubblicani hanno perso.

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]