Giovedì, 15 Marzo 2012 18:06

Monti liscia i sindacati. Camusso: "La trattativa con la Fornero è sulle montagne russe"

Scritto da

ROMA - Monti è in affanno.  E, guarda caso, chiede aiuto ai sindacati pubblicamente elogiati in una nota di Palazzo  Chigi che convoca il “tavolo” con le parti sociali per  martedì 20. Passano i decreti  del governo  ma solo con voti di fiducia.


Quando però si passa agli ordini del giorno spesso, troppo spesso, il governo, com'è avvenuto per un provvedimento  sull’ambiente, va sotto. L’incontro con i partiti che sostengono il governo convocato da Monti  si annuncia non privo di difficoltà. Dopo il rifiuto del segretario del Pdl, Alfano, a sedersi a un tavolo del governo dove, fra gli altri, si doveva discutere anche  di Rai  e della legge anticorruzione Monti aveva annunciato che si tornava agli incontri bilaterali. Sia il Pd che il Terzo polo esprimevano a Monti il proprio dissenso. “Così - affermavano – si torna al punto di partenza. Non c’è alcuna forzatura se il governo discute la riforma della governance della Rai, visto fra l’altro che è il maggiore azionista. Così come  la maggioranza che sostiene Monti non o può essere estranea a  discutere e presentare al Parlamento misure  per combattere la corruzione.
Il leader della Cgil, Susanna Camusso ha precisato: "La trattativa con la Fornero è sulle montagne russe", nonostante "l'incontro di ieri è stato utile". Nel frattempo Cgil ha convocato per mercoledì 21 marzo il comitato direttivo di Corso d'Italia per valutare l'incontro che si terrà martedì 20 a Palazzo Chigi sulla riforma del mercato del lavoro. Incontro che la Cgil non considera conclusivo. La decisione è stata assunta oggi al termine della segreteria allargata alle varie categorie e territori della confederazione guidata dalla Camusso.

Il premier incontra Pdl, Pd e Terzo Polo
Angelino Alfano e il Pdl hanno dovuto far buon viso a cattiva sorte accogliendo l’invito del presidente del Consiglio a ripristinare un tavolo comune. Ma,  l’ex ministro,   sottolinea che Rai e corruzione  non sono problemi che riguardano questo governo. Dimentica, o meglio fa finta di dimenticare, che un ministro, Monti che ha l’interim, è l’unico azionista dell'azienda pubblica radiotelevisiva. E, aggiungiamo gli ”infortuni“ a ripetizione del ministro Elsa Fornero, la ormai famosa “paccata di miliardi” per capire il senso del comunicato diffuso da Palazzo Chigi con il quale si annuncia la convocazione del “tavolo” con le parti sociali per martedì 20. Monti, di fatto, non ha mai mostrato di gradire reali, trattative, confronti, tanto meno la concertazione rivendicata da Cgil, Cisl, Uil. Più volte ha fatto presente che il rapporto con i sindacati era puramente a carattere informativo. Il governo, anche senza accordo, avrebbe preso le sue decisioni in materia di riforma del lavoro. Una ripetizione, insomma, della riforma, si fa per dire, delle pensioni.

Articolo 18: manutenzione tipo “modello tedesco”
Con i sindacati  che non hanno gradito. Addirittura lo stesso Monti ha irriso Cgil, Cisl, Uil per uno “scioperetto” sulle pensioni. Ora, la Fornero ha fatto marcia indietro nei suoi bellicosi propositi, conferma di aver trovato o meglio garantisce che troverà le risorse necessarie per avviare la riforma degli ammortizzatori sociali, che si torna ad un percorso che andrà a pieno regime nel 2017 e  nel 2015, che in merito all’articolo 18 si parla di “manutenzione” tipo “modello tedesco” che prevede il reintegro nel posto di lavoro e l’intervento dei consigli di fabbrica.  Si apre un percorso, insomma, che può portare ad un accordo importante ecco che arriva la nota di Palazzo Chigi. Il governo "considera positivamente lo spirito di collaborazione e il contributo di idee offerto sin dal primo momento dalle parti sociali". La nota prosegue sottolineando che  "l’esecutivo ha sempre considerato la riforma del mercato del lavoro una priorità della sua azione nonché uno strumento essenziale per offrire nuovo impulso alla crescita del Paese. Anche per questo considera positivamente lo spirito di collaborazione e il contributo di idee offerto sin dal primo momento dalle parti sociali".
Sull'argomento è intervenuto Bersani. Il segretario del Pd: "C'è la possibilità di arrivare ad un accordo ma c'è ancora qualche problema su cui stasera bisognerà discutere. Non tanto l'articolo 18 ma il tema degli ammortizzatori, dei contratti e delle risorse". Anche dalla Cgil vengono segnali che ci sono problemi.


Rete Imprese Italia: così non firmiamo
Ma è tutto oro quel che riluce? Tutti i problemi sono risolti? L’accordo è cosa fatta? Dice Camusso che finalmente il confronto è entrato in una fase “utile” Una fase, appunto. Leggendo le proposte che  Fornero avrebbe avanzato, per esempio, per quanta riguarda  la riduzione del numero dei contratti, per combattere in primo luogo la precarietà, nascono molti dubbi. E’ vero che c'è una riduzione ma, a prima vista, quello che esce dalla porta può rientrare dalla finestra. Ancora: “modello tedesco” significa puntare decisamente al reintegro del lavoratore. E’ questo l’intendimento del governo?   Ancora Rete Impresa Italia  afferma che “se aumenterà il costo del lavoro per le piccole e medie imprese così come previsto dalla bozza di riforma del mercato del lavoro le associazioni aderenti potrebbero decidere di disdettare i contratti collettivi di lavoro. "E' una eventualità, la stiamo valutando". Confindustria conferma la volontà di pervenire a un accordo ma sottolinea che per esprimere una valutazione complessiva ci deve essere la certezza sulle proposte avanzate dal governo.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]