Venerdì, 22 Ottobre 2010 14:59

Pakistan: esplosione Peshawar, colpiti fedeli all’uscita Moschea

Scritto da

ISLAMABAD - Ennesimo venerdì di preghiera insanguinato in Pakistan. Stamani i terroristi hanno colpito in una moschea.

Ad essere stata presa di mira dagli attentatori la moschea di Pashta Khara a Peshawar, nel nord del Pakistan al confine con l’Afghanistan. Il bilancio delle vittime, a seguito all’esplosione di un ordigno collocato all’esterno della Moschea, è di tre morti e almeno 20 feriti. La deflagrazione che ha investito i fedeli è avvenuta nel momento in cui questi stavano uscendo dal luogo di culto. Anche se l’attentato non è stato rivendicato ancora una volta le autorità locali pachistane hanno puntato il dito contro i ribelli pachistani filo talebani e altri gruppi islamici estremisti legati ad al Qaeda che operano nelle regioni di confine. Una tesi appoggiata anche dal ministro dell'informazione della provincia di Khyber-Pakhtunkwa, Mian Iftikhar Hussein.

Una sola cosa è certa per ora ed è che quello che arma mano e mente dei terroristi in Pakistan è una logica stragista al servizio di finalità politiche. Si punta innanzitutto al condizionamento della vita democratica del Paese, il mantenimento del potere nelle mani degli apparati più reazionari, la lotta politica concepita come scontro senza quartiere ed improntata al ricatto del terrore. Da qualche anno poi. È stata inaugurata una nuova stagione delle stragi che ha alzato la posta. Sono oltre 3mila gli attentati terroristici che dal 2008 hanno sconvolto il Pakistan e mietuto oltre 5mila vittime, per lo più civili. Di fatto quella in corso è una vera e propria guerra che i miliziani islamici hanno dichiarato al governo di Islamabad per la sua amicizia con Washington.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]