Giovedì, 31 Marzo 2022 11:20

Ricerca. Mappate le cellule che portano all’emicrania. Una speranza per nuove terapie

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La ricerca condotta dai ricercatori del Brigham and Women's Hospital e del Massachusetts General Hospital  è stata pubblicata sulla rivista Neuron

L'emicrania e i relativi mal di testa sono causati dall'attività di una parte del sistema nervoso nota come ganglio del trigemino (TG). Tuttavia, non è chiaro quali geni e tipi cellulari del TG siano coinvolti. Ora, analizzando il topo e il TG umano, i ricercatori del Brigham and Women's Hospital e del Massachusetts General Hospital hanno mappato, attraverso la risoluzione unicellulare, i geni espressi in ciascun tipo di cellula TG. La loro mappa potrebbe così portare allo sviluppo di trattamenti più efficaci.

"La sensibilizzazione dei neuroni gangliari del trigemino - precisano i ricercatori -  contribuisce a disturbi primari del mal di testa come l'emicrania, ma i sottotipi trigeminali neuronali e non neuronali rimangono poco chiari. Abbiamo quindi sviluppato una vera e propria mappa cellulare in cui i gangli del trigemino umano e di topo sono profilati trascrizionalmente ed epigenomicamente a risoluzione unicellulare".

"Pochissimi farmaci antidolorifici - affermano  William Renthal direttore della ricerca e John R. Graham del “Headache Center, dipartimento di neurologia, Brigham and Women's Hospital” - sono arrivati alla sperimentazione clinica, nonostante la forte efficacia nei modelli animali, quindi il nostro obiettivo era analizzare i tessuti umani per cercare nuovi approcci per il trattamento del mal di testa e del dolore facciale”.  "Ora abbiamo una sorta di atlante dei geni che sono espressi in ciascuno dei tipi cellulari nel TG, il centro di trasmissione chiave per l'emicrania e il dolore facciale, e ora stiamo usando questo strumento per identificare potenziali bersagli terapeutici che sono espressi selettivamente nelle cellule che guidano il mal di testa. Crediamo che questo porterà a farmaci più precisi evitando gli effetti collaterali”.

Oltre ad analizzare il TG di quattro donatori umani, i ricercatori hanno studiato due modelli murini di cefalea. È importante sottolineare che hanno scoperto che mentre i tipi cellulari tra topi e umani sono in gran parte conservati, alcuni dei geni noti per essere coinvolti nel dolore sono espressi in diversi sottoinsiemi di cellule nei topi rispetto agli esseri umani. Ciò ha fornito ai ricercatori nuove idee sui quali approfondire. 

"Un valore importante di questo studio è che non era limitato a uno specifico tipo di cellula o ramo del ganglio del trigemino", ha affermato Jochen K. Lennerz  direttore medico del Center for Integrated Diagnostics nel dipartimento di patologia. Il laboratorio di Lennerz ha eseguito le complesse procedure di raccolta dei tessuti necessarie per estrarre il TG, che si trova all'interno del cranio ma ha neuroni che snervano i denti, gli occhi e altre strutture facciali. "Abbiamo incluso tutte le cellule che compongono il TG", ha detto. “Questo è stato un approccio molto olistico che ha portato a un incredibile vantaggio ai ricercatori.”

Queste nuove scoperte potrebbero aprire la strada a trattamenti sull'emicrania, inclusi mal di testa post-commozione cerebrale o mal di testa a grappolo. I ricercatori sequenzieranno ulteriori tessuti umani per acquisire maggiori informazioni.

Di sicuro questa mappatura di cellule gangliari del trigemino migliora la comprensione dei tipi cellulari, dei geni e delle caratteristiche epigenomiche coinvolte nella fisiopatologia del mal di testa e stabilisce una ricca risorsa di caratteristiche molecolari specifiche del tipo di cellula per guidare lo sviluppo di trattamenti più selettivi.

bianco.png