Lunedì, 01 Agosto 2022 09:43

Ricerca. Una dieta ultra elaborata aumenta il rischio di demenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una dieta molto ricca di alimenti ultra-elaborati, quali cibi in scatola, salse, bibite e snack salati, e' associata a un rischio piu' elevato di demenza. A dirlo, uno studio longitudinale condotto dalla Tianjin Medical University in Cina e riportato su Neurology.

La sostituzione "del 10% del peso degli alimenti ultra-lavorati con una proporzione equivalente di alimenti non trasformati o minimamente trasformati" riduce drasticamente il rischio stimato di demenza, spiega Yaogang Wang, della Tianjin Medical University in China. Gli alimenti ultra-elaborati, cioe' ricchi di zuccheri aggiunti, grassi e sale e poveri di proteine e fibre includono bibite, snack salati e zuccherati, gelati, salsicce, pollo fritto, yogurt, fagioli in scatola e pomodori, ketchup, maionese, guacamole e hummus confezionati, hanno osservato i ricercatori.

"Questi alimenti possono anche contenere additivi alimentari o molecole da imballaggi o prodotti durante il riscaldamento, che hanno tutti dimostrato in altri studi di avere effetti negativi sul pensiero e sulle capacita' di memoria", sostiene il co-autore dello studio, Huiping Li dell'Universita' di Medicina di Tianjin. "I nostri risultati mostrano anche un aumento di soli 50 grammi al giorno di alimenti non trasformati o minimamente trasformati, che equivale a mezza mela, una porzione di mais o una ciotola di crusca, e contemporaneamente una riduzione di 50 grammi al giorno di alimenti ultra-lavorati, equivalente a una barretta di cioccolato o a una porzione di bastoncini di pesce, e' associato a una riduzione del 3% del rischio di demenza", ha aggiunto Li.

Ai fini della ricerca, Wang e coautori hanno valutato 72.083 persone nello studio della biobanca britannica che avevano 55 o piu' anni e non avevano demenza al basale. I partecipanti hanno avuto almeno due valutazioni dietetiche valide di 24 ore utilizzando il questionario Oxford WebQ nel periodo 2009-2012. I ricercatori hanno applicato il framework NOVA, un sistema di classificazione degli alimenti in base alla quantita' di lavorazione industriale a cui sono sottoposti, ai dati del questionario dietetico e hanno raggruppato i partecipanti in quartili. Gli alimenti ultra-elaborati erano una mediana dell'8,6% della dieta quotidiana di un partecipante nel quartile piu' basso e del 27,8% nel quartile piu' alto. I gruppi di alimenti che hanno contribuito maggiormente all'elevata assunzione di cibo ultra-elaborato sono stati le bevande (34%), i prodotti zuccherati (21%), i latticini ultra-lavorati (17%) e gli snack salati (11%).

L'eta' media dei partecipanti era 62 anni; circa il 53% erano donne e il 93% erano bianchi. Il follow-up mediano e' stato di 10 anni. In quel periodo, 518 persone hanno sviluppato demenza, di cui 287 con malattia di Alzheimer e 119 con demenza vascolare. Nel quartile piu' basso, 105 persone hanno sviluppato demenza, rispetto a 150 persone nel quartile piu' alto. Un aumento del 10% degli alimenti ultra-lavorati ha aumentato il rischio di demenza per tutte le cause del 25%, di demenza vascolare del 28% e del morbo di Alzheimer del 14%. La sostituzione del 20% del peso del cibo ultra-elaborato con una proporzione equivalente di cibo non trasformato o minimamente trasformato ha portato a un rischio inferiore del 34% di demenza e del 39% in meno di demenza vascolare, ma non ha influenzato in modo significativo il rischio di Alzheimer. L'analisi aveva diversi limiti, hanno osservato i ricercatori. Potrebbe essersi verificata una classificazione errata e alcuni alimenti come lo yogurt possono avere piu' o meno lavorazione, per esempio. Sono necessarie quindi ulteriori ricerche per indagare l'associazione tra cibi lavorati e demenza.

bianco.png