Mercoledì, 23 Maggio 2012 14:03

Gli eredi di Dulbecco fanno viaggiare la ricerca italiana

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Dal 27 maggio al 2 giugno la nave da crociera Navigator of the Seas ospiterà oltre 130 ricercatori per l’incontro annuale del programma carriere di Telethon

ROMA -

La ricerca in alto mare? Sì, ma per una buona causa: dal 27 maggio al 2 giugno Royal Caribbean International ospiterà a bordo della nave da crociera Navigator of the Seas oltre 130 ricercatori dell’Istituto Telethon Dulbecco, il programma carriere a cui proprio il premio Nobel recentemente scomparso ha dato il via nel 1999, donando il cachet ricevuto per la partecipazione al festival di Sanremo. Un’iniziativa che ad oggi ha consentito di finanziare, con oltre 32 milioni di euro, il lavoro di 370 ricercatori sull’intero territorio nazionale: un numero destinato a crescere già nei prossimi mesi grazie all’assegnazione di oltre 1,5 milioni di euro per la nascita di tre nuovi gruppi di ricerca. "Queste sono le occasioni in cui nascono non solo le idee, ma anche veri e propri sodalizi fondamentali per far progredire la ricerca verso la cura delle malattie genetiche rare. Siamo quindi molto grati a Royal Caribbean per questa opportunità, che ci consente anche di offrire un’occasione di formazione ai membri più giovani del Dti: basti pensare infatti che l’età media dei partecipanti è di soli 33 anni e che oltre il 15 per cento sono stranieri che stanno svolgendo in Italia il loro dottorato o un periodo post-doc" ha dichiarato il direttore generale di Telethon Francesca Pasinelli nel corso della conferenza stampa di lancio dell’evento, che è stata moderata dal conduttore televisivo Alessandro Cattelan.

Gianni Rotondo, direttore generale RCL Cruises LTD Italia ha confermato l’impegno a favore di Telethon della compagnia, che già l’anno scorso aveva donato 70.000 euro per sostenere la ricerca scientifica sulle malattie genetiche. "Da sempre Royal Caribbean International si contraddistingue nel mondo della social responsibility e per la nostra sede italiana è motivo di grande orgoglio aver dato il via a questa partnership. Ospitare l’incontro annuale dell’Istituto Telethon Dulbecco ha per noi un grande significato e siamo sicuri che anche i crocieristi a bordo di Navigator of the Seas abbracceranno con il nostro stesso entusiasmo questa iniziativa: sulle nostre navi gli ospiti possono contribuire alla ricerca scientifica senza però rinunciare al divertimento, al relax e alla possibilità di visitare destinazioni incredibili". La partnership tra Royal Caribbean International e Telethon, nata nel 2011, continuerà infatti per tutto il 2012 attraverso una serie di iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi e il coinvolgimento diretto dei crocieristi: per ogni 5 euro donati a Telethon dai clienti che prenoteranno una crociera, in agenzia o tramite il sito www.royalcaribbean.it, la compagnia corrisponderà alla Fondazione altri 5 euro.

Nel corso della crociera, che partirà da Civitavecchia e toccherà alcune tra le più belle tappe del Mediterraneo – Messina, Efeso, Atene, Chania (Creta), con rientro a Civitavecchia – i ricercatori dell’Istituto Telethon Dulbecco presenteranno i risultati più recenti del proprio lavoro. Prenderanno parte al convegno anche relatori esterni di fama internazionale, che arricchiscono notevolmente il programma.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]