Sabato, 12 Ottobre 2013 11:30

L’italiano. Dietro il Sacro G.R.A. si nasconde l’ingegnere. Video

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

ROMA - Il primo fu  S.P.Q.R  (Senatus PopulusQue Romanus, il senato e il popolo romano) che il barbaro Bossi, quello di  “Roma ladrona”,  elegantemente tradusse  “Sono Porci Questi Romani”.  Molto più tardi. sui muri della Milano risorgimentale comparve la scritta “ W  VERDI”  che apparentemente era un omaggio degli appassionati del melodramma  all’autore de “La traviata”, in realtà , ingannando la polizia austriaca, inneggiava a V.E.R.D.I.  cioè a “Vittorio Emanuele  Re d’Italia”. 

Acronimo sono  le iniziali delle parole che formano una sigla: FIAT è l’acronimo di “Fabbrica Italiana Automobili Torino”, come IMU,  Imposta  Municipale Unica, derivata dall’ICI,  Imposta Comunale sugli Immobili, AMA  (Azienda Municipale per l’Ambiente), PNF (Partito Nazionale Fascista),  P.S. (Post Scriptum, oltre che Pubblica Sicurezza, oggi Polizia di Stato). Dati i tempi frenetici  in cui viviamo, l’acronimo oggi imperversa  ma non sempre si fa capire facilmente. E talvolta nasconde  un trabocchetto  lessicale. 

  Alla recente Mostra del cinema di Venezia il massimo premio , il “Leone d’oro”,  è stato assegnato a “Sacro GRA”, il film che il regista  Gianfranco Rosi ha girato sul raccordo anulare di Roma. Non è un film on the road, come lo avrebbero fatto gli americani, ma una piccola serie di storie di cui sono protagonisti personaggi in qualche modo legati al grande anello autostradale che con i suoi sessanta e più chilometri circonda la Capitale in un abbraccio  spesso mortale. Sono migliaia all’anno, infatti,  gli incidenti  stradali che funestano lo sterminato esercito di veicoli  incolonnati  nell’inarrestabile girotondo d’asfalto e centinaia di migliaia sono le ore che gli automobilisti  romani ogni anno trascorrono intrappolati nei quotidiani  ingorghi, ai quali un altro regista, più famoso di questo, Federico Fellini, dedicò un pezzo indimenticabile del suo film “Roma”. 

Ma perché GRA? Semplice, direte voi: vuol dire Grande Raccordo Anulare, sarebbe cioè un acronimo  di elementare lettura. E invece no: è il cognome dell’ingegnere Eugenio Gra, di fatto il padre del raccordo anulare di Roma, per averlo progettato alla fine degli Anni Cinquanta e successivamente  proposto alle autorità e successivamente  realizzato un tratto dopo l’altro. Oggi il GRA è un’autostrada, l’unica che reca il nome del suo creatore, del resto in linea con le strade consolari romane (Aurelia, Cassia, Flaminia, Appia)  intitolate al nome del console romano che ne volle la costruzione.

 

Dicevano i latini “Nomen omen”,  il destino nel nome. In effetti un ingegnere che si chiama Gra non poteva non realizzare il GRA. Se non l’avesse fatto sarebbe stato imperdonabile. E se invece che ingegnere fosse stato un anarchico  e si fosse chiamato Gru? Avrebbe dovuto dar  vita al GRU: Gruppo  Rivoluzionario Universale. E se un giornalista si chiamasse Gre  dovrebbe dirigere il  GRE: Giornale Radio Economico.  Come pure, lo scrittore per bambini   che all’anagrafe facesse  Antonio Gro, dovrebbe scrivere la favola del GRO: Gran Ranocchio  Obeso. Per finire con il capo della tifoseria giallorossa,  il manesco  Spartaco Gri, che ha fondato il GRI: Gruppo Romanisti  Irriducibili. Avendo esaurito  le cinque vocali, la finiamo qui.

  Se entriamo   in un centro benessere, come oggi si chiamano quelli che una volta erano gli istituti di bellezza, troviamo la SPA. Una volta con queste tre lettere  ci si riferiva, oltre che alla cittadina del Belgio vicino a Liegi, ad una Società Per Azioni. Adesso non è più così: la Spa è una struttura, a metà fra la palestra e la piscina termale, dove si curano gli inestetismi (altro fulminante neologismo!)  del corpo e  se ne esce più belli di prima. Ma che vuol dire SPA?  Stavolta è un vero acronimo che sta per “Salus  Per Aquam”.  E’ latino e ricorda la passione che gli antichi romani avevano per le terme di cui l’Urbe era piena. Vuol dire  “Dall’acqua  la salute” e, come tutti sanno, la bellezza fisica non può che appartenere ad un fisico in perfetta forma.  Bastava pensarci. 

Fino a pochi anni fa se si diceva bond ci si riferiva al cognome dell’agente segreto eroe dei romanzi di  Jan Fleming, il notissimo James Bond. Oggi bond sta per “ obbligazione”, quella voce della nomenclatura finanziaria  che tante amarezze ha suscitato nei piccoli risparmiatori soprattutto se proveniva dall’Argentina,  da cui  i famigerati  “tango bond”. Una fregatura solenne per chi li ha acquistati a suo tempo con la complicità della sua infedele banca sotto casa. E c’è poco da ballare, semmai  c’è da chiedere  davvero l’intervento di 007, l’agente con licenza di uccidere …il consulente finanziario scorretto. 

  spread cosa vuol dire? Non vi sforzate a farne per forza un acronimo. E’  un termine inglese, oggi molto di moda, che nel  linguaggio finanziario indica la  differenza fra il rendimento dei titoli di Stato di  Paesi con differenti  capacità economiche, come Italia e Germania. E pensare che, di questi tempi di vacche magre,  qualcuno  in SPREAD  aveva  già letto le iniziali di  “Sempre Peggio Rispetto ad  Estrema  Angoscia da Debiti”. 

 

L'italiano con un CLIC  - Video

 

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]