Venerdì, 23 Agosto 2013 10:07

Premio Viareggio Repaci. Volata finale per decidere i vincitori. Botta e risposta con Busi

Scritto da
Aldi Busi Aldi Busi

ROMA - Non c’è premio letterario che non provochi dibattito, polemiche anche a tinte forti. Il premio Viareggio non sfugge a questa regola. Ma ha le spalle forti, ne ha viste di tutti i colori nella sua lunga storia. Non solo polemiche sulla scelta dei oremiati ma, in particolare, attacchi alla autonomia e indipendenza del Premio.

L’uscita di Aldo Busi, in stile con l’ego del personaggio, non ha turbato questi ultimi giorni,<la volata finale verso la premiazione dei vincitori. Ha attaccato Busi, con parole offensive anche nei confronti degli autori con i quali si deve confrontare. “ Non ritengo gli altri due titoli in gara- ha detto- e il premio stesso all’altezza non solo del mio romanzo, ma innanzitutto del disturbo che comporterebbe spostarmi da casa “ Nel suo blo da una spiegazione un poì diversa ma nella sostanza lui ritiene che nessuno merito di confrontarsi con il suo libro “ El specialista de Barcelona) giunto alla finale. Identico atteggiamento Busi aveva tenuto nei confronti del Premio Strega. Da Viareggio arriva una risposta da parte del presidente, la professoressa Simona Costa:<Molto secca e pungente: “ Prediamo atto delle esternazioni busesche e ci rammarichiamo che l’uomo non sia all’altezza dello scrittore”.   Dall’assessore alla cultura del Comune di Viareggio, Glauco Del Pino, una dichiarazione al vetriolo: “84 anni di storia della cultura nazionale e internazionale sono passati da questo premio apprezzato e rispettato dai maggiori scrittori, poeti, saggisti contemporanei. Siamo dispiaciuti che Busi abbia deciso di non venire ma vivremo anche senza di lui è il premio non perderà certamente di importanza  con la sua assenza". Già 84 anni ma portati bene anche se le traversie non sono mancate, dai problemi economici, la mancanza di fondi ,  ai tentativi  di interferire nelle scelte e nella formazione delle strutture del premio a partire dalla presidenza fino alle giurie, alla sospensione nel periodo fascista


Nasce in Versilia nel 1929 “ sulla spiaggia e sotto un ombrellone

Il‘Viareggio’   apre in Italia la stagione dei grandi Premi letterari del Novecento. Dopo il  ‘Bagutta’, ideato da Orio Vergani nel 1926 tra le quattro mura di una trattoria milanese, il ‘Viareggio’ nasce in Versilia nel 1929  sulla spiaggia e “sotto un ombrellone” per iniziativa dei tre amici Leonida Rèpaci, Carlo Salsa e Alberto Colantuoni.  Poi  vengono “ accolti”  Primo Conti e Gian Capo, con l’intenzione di sottrarre il Premio al chiuso dei cenacoli e di aprirlo en plein air alla  libera circolazione delle  idee nella società letteraria italiana. Viareggio fu scelta perché “noi fondatori  - scriveva Repaci- intendemmo contraccambiare la bella spiaggia di quell’amore  che aveva saputo accendere nel fondo di noi, da quando avevamo associato il suo nome a quello di Shelley, il ricordo di un tonfo di risacca al crepitio del rogo col quale ritornava, dio immortale, ai puri spazi da cui era disceso per scolpire la statua di Prometeo, finalmente liberato dalle potenze e dalle presenze del Male” Lo stesso Rèpaci che resta presidente fino al 1935 fin quando le pressioni dei fascisti non resero più possibile una gestione autonoma del Premio, indica i la natura, gli obiettivi di questo iniziativa che nel corso degli anni diventerà< un  vero e proprio racconto della letteratura italia. Basta leggere l’elenco dei oremiati  dalla narrativa, poi alla saggistica e alla poesia. Lasciata la presidenza Rèpaci sottolinea che “si può affermare che fino al ’35 il Premio Viareggio salvò in qualche modo le forme, e non riuscì ai gerarchi di padroneggiare. In seguito la mano del regime si appesantì e divenne impossibile per un uomo dignitoso mantenere una posizione, non dico indipendente, ma neppur riservata nei confronti dei fascisti zelanti, divenne impresa disperata battersi per un libro che non fosse gradito al Ministero Stampa e Propaganda.


Venne il fascismo e ce ne andammo senza far rumore

La Presidenza del Premio arrivava a Viareggio con l’aggiudicazione già stabilita a Roma […] Ce ne andammo senza far rumore […] Poi venne la guerra e il Premio cessò” .  Più che cessare il premio  era passato, come sarà fino al 1939, sotto l’egida di Lando Ferretti, capo Ufficio-Stampa di Mussolini; e questo spiega a sufficienza la continua, fiera e quasi feroce battaglia sostenuta da Rèpaci negli anni a venire per sottrarre il Premio a qualsiasi influenza politica e a qualsiasi autorità che non fosse quella della letteratura, dell’intelligenza e dello spirito. Questo è, ad  oggi il carattere distintivo della manifestazione viareggina. Con un dato in più:<nel corso degli anni , non solo si è usciti  dai cenacoli, come diceva il fondatore, si è portato il Premio fra la gente, gli autori, i finalisti hanno avuto incontri molto importanti, seguiti dai cittadini, da un pubblico attento. Questo percorso si è concluso nei giorni passati ed ora, appunto la<volata finale.


Incontri degli autori  finalisti con i cittadini

Particolarmente significativa la presentazione effettuata a  S.Anna di Stazzema, la cittadina martire,la mempria della strage dei fascisti e delle Ss dove sono stati presentati Paolo di Stefano, finalista per la narrativa con il romanzo Nero d'Avola (Sellerio editore), Daniela Attanasio, finalista per la poesia con la silloge Di questo mondo (Aragno editore) e Giulio Guidorizzi, finalista per la saggistica con l'opera Il compagno del'anima. I greci e il sogno (Raffaello Cortina editore). Un’ altra iniziativa è stata tenuta in uno stabilimento balneare, il bagno Ernesta a Viareggio che ha visto Stefano del Bianco, finalista per la poesia con la silloge Prove di libertà (Mondadori editore) e Pierpaolo Antonello, finalista per la saggistica con l'opera Contro il materialismo. Le due culture in Italia:bilancio di un secolo (Aragno editore)presentati dal prof. Marino Biondi e dal prof. Mario Graziano Parri entrambi membri della commissione del Premio. Terzo appuntamento  i finalisti.al Bar Eden nella  passeggiata a Viareggio; Enzo Testa per la poesia (Ablativo, Einaudi ed) e Maurizio De Giovanni per la narrativa (Vipera, Einaudi ed)  presentati dal prof. Franco Contorbia e dal dr. Samuele De Lucia. Sabato 31 agosto al Palazzo dei Congressi saranno consegnati i premi agli undici vincitori e saranno proclamati i tre “ super vincitori” di ciascuna terna che ricevaranno il Premio  “ Viareggio-Repaci” 2013.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Mamma è tante cose

Cos’è una mamma?  Per chi non l’ha avuta è una stella. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

L'ultimo episodio di "Note fuori margine" affronta le "piccole cose" che fanno grande l'inclusione. L'inclusione, infatti, non è soltanto una bella parola, ma è un pensare e un agire quotidiano...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. La selezione ufficiale dei cortometraggi

Cannes 77. La selezione ufficiale dei cortometraggi

CANNES - Il comitato di selezione dei cortometraggi  per Cannes 2020 ha visionato  3.810 opere provenienti da 137 paesi diversi rispetto ai 4.240 dell'anno scorso.

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]