Lunedì, 03 Marzo 2014 16:08

Libri. Il nome della rosa, il potere letale del riso. Recensione

Scritto da

“Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus”

[La rosa antica risiede nel nome, possediamo solo i nomi naturali]

[Il nome della Rosa, Umberto Eco, trad. Mara Carlesi]

Il nome della rosa è costituito secondo una complessa motivazione narrativa. A parlarci in prima persona è l’ autore, il quale finge di essere entrato in possesso di uno scritto del XIV secolo, in cui l’ ormai anziano monaco Adso da Melk rievoca l’ incontro con il frate francescano Gugliemo da Baskerville ed il loro arrivo, alla fine del novembre del 1327, in una ricca abbazia ligure. Strani e tragici eventi si stanno succedendo, tra i quali la morte del giovane monaco Adelmo da Otranto.

Qualcosa, o qualcuno, minaccia la quiete di quel luogo di preghiera e studio.

 

L’ acume investigivativo di Guglielmo, in passato inquisitore, lo porta a capire che non è il Maligno a mietere vittime tra quelle mura, ma un libro, creduto perso da tutti : il secondo libro della Poetica di Aristotile. A contrapporsi al personaggio di Guglielmo c’ è il vecchio bibliotecario cieco dell’ abbazia, Jorge de Burgos. Costui vede nel riso “la debolezza, la corruzione, l’ insipidità [...] della carne”. Ed è proprio questo suo odio verso l’ ilare che sta portando la morte tra i monaci, sempre più atterriti.

 

Guglielmo, da inquisitore ravveduto e francescano tentato sempre più dalla logica che dalla fede cieca, si contrappone con la scienza critica al rigore dogmatico del vecchio benedettino, Jorge de Burgos, il quale si serve, per la sua argomentazione, di enumerazioni, di rimandi, di postille impossibili da controllare e verificare, con l’ uso smodato di congiuntivi esortativi, utili per l’ enfasi ma non per la sostenza, di interrogativi retorici volti a manifestare l’ assurdità degli eventi a cui i monaci credono di assistere. Sulla contrapposizione di Guglielmo e di Jorge, Eco organizza intorno alle loro posizioni, filosofiche e teologiche, la credibilità del suo romanzo, l’ attendibilità dell’ inchiesta storica. Utilizza intere sequenze di riferimento alla filosofia medievale ed un ampio regesto della trattatistica araba.

 

Il nome della rosa si apre, prima ancora che con il topos dello scritto ritrovato, già caro al Manzoni ne “I promessi sposi”, con la riproduzione della mappa dell’ abbazia, utile al lettore per muoversi assieme ad i protagonisti e per focalizzare gli spazi in cui avvengono gli episodi. La figura del vecchio bibliotecario è un rimando, allusivo, a quella di Borges, grande artefice di delitti, doppi giochi, labirinti mentali. Si può quindi trovare un riscontro nel celebre racconto borgesiano “La biblioteca di Babele”, dalla raccolta “Finzioni”. Inoltre, la coppia di investigatori composta da Guglielmo e dal suo fidato, ma ingenuo, collaboratore parodizza, esplicitamente, quella formata dallo scaltro Sherlock Holmes e dal sollecito Watson, anche attraverso l’ origine inglese dell’ ex inquisitore e del suo appellativo, Baskerville, un chiarissimo richiamo ad uno dei titoli più noti di Arthur Conan Doyle, “Il mastino di Baskerville”.

L’ ormai vecchio Adso da Melk, tornato in Italia per visitare  le rovine dell’ antica abbazia, chiude il romanzo con un esametro latino rappresentante il concetto che di tutto quello che è scomparso rimane solo il nome. A un lettore attento non sfuggiranno gli errori storici presenti nel romanzo, ma essendo questo un libro che vuole narrare una storia e non la storia, si può perdonare.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]