Lunedì, 29 Ottobre 2018 11:25

Festa Cinema Roma. “Van Gogh”, un biopic del 1991 del Maestro Pialat

Scritto da

ROMA – Il “Van Gogh” di Maurice Pialat fa un ritratto dell’artista-uomo negli ultimi mesi della vita quando, dopo tanto viaggiare per l'Europa, dopo l’influenza degli impressionisti francesi, dopo il ricovero in un ospedale psichiatrico, Vincent Van Gogh si rifugiò nel borgo di Auvers sur l'Oise, a poche decine di chilometri da Parigi per essere seguito dal dottor Gachet, suo appassionato ammiratore.

La comunità si adoperò per la guarigione di quell’ospite singolare che, pur non essendo ancora famoso, iniziava ad avere un valore commerciale. 

Due ore e mezzo di atmosfere affascinanti e dolorose, senza colonna sonora ma ricche dei colori tipici del pittore. Vediamo le sue crisi psicologiche, la sua dipendenza dall’assenzio, la dedizione al suo lavoro, i suoi rapporti con le donne.  La storia d'amore contrastata tra Vincent trentasettenne e l’adolescente figlia del medico, la relazione di Van Gogh con una prostituta, il rapporto conflittuale con suo fratello Theo, mercante d’arte, e con la cognata. Vediamo i momenti di abbandono al cabaret tra canti e balli di marcette e can-can; i tormenti per i dubbi sul suo valore, la sua tensione a interpretare e definire la realtà attraverso la trasfigurazione di forme e colori. Jacques Dutronc, nei panni di un Van Gogh somigliante anche fisicamente, è il protagonista ideale che imprime, attraverso lo sguardo ceruleo, profondità e complessità al suo personaggio, in apparenza acqua cheta ma nell’intimità custode d’insospettati precipizi. 

Scelta giusta quella della festa del Cinema di Roma, di dedicare a Maurice Pialat, celebre e premiato regista francese, una retrospettiva, della quale questo biopic del 1991 sul grande post-impressionista, morto suicida a trentasette anni, è una tra le migliori biografie cinematografiche.  Il film non si attarda sulla spiegazione didascalica dei quadri, ma ci avvicina ancor più alla comprensione del genio raccontando l’essere umano e la sua passione creativa.

Van Gogh

GENERE: Biografico, Drammatico

NAZIONE: Francia

ANNO: 1991

DURATA: 158 min

FORMATO: col

REGISTI: Maurice Pialat

ATTORI: Jacques Dutronc, Alexandra London, Bernard Le Coq, Gérard Séty, Corinne Bourdon, Elsa Zylberstein, Leslie Azzoulai, Jacques Vidal

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]