Venerdì, 21 Dicembre 2018 09:54

Teatro De’ Servi. “Oliver Twisted”: splendente dickensiana freschezza ‘de noantri’

Scritto da

ROMA – Al Teatro de'Servi La compagnia del Teatro dell'orologio, all'interno della stagione dei “Fuoriclasse”, dal 17 al 19 dicembre, ha portato in scena con successo Oliver Twisted. La pièce era già stata rappresentata dalla compagnia in modalità itinerante, per le strade di alcuni quartieri o nella Metro C di Roma.

L'adattamento di Leonardo Ferrari Carissimi e Fabio Morgan ci restituisce il sapore classico del romanzo dickensiano, innovandolo al tempo stesso. Le avventure del povero orfano Oliver Twist sono le medesime, ma raccontate e interpretate con una freschezza inedita.

Il sipario si alza e gli spettatori vedono del fumo, mentre sul palco appaiono Oliver (Simone Musitano) e altri ragazzini, suoi compagni di prigionia. Una voce narrante, che diviene poi una figura in carne ed ossa, discosta dagli altri attori, racconta brevemente gli avvenimenti che hanno condotto il povero Oliver esattamente dov'è: in orfanotrofio. La donna, abbigliata in uno stile anni venti, sia lettrice che attrice della storia di Oliver, lascia la scena agli orfani che, come nel romanzo, sono impegnati a fare la conta per decidere chi dovrà chiedere una razione di cibo in più. Tocca a Oliver l'arduo compito di supplicare per un tozzo di pane. L'accento partenopeo del ragazzo implorante e il tono farsesco che Fraulein Mann, sbeffeggiandolo, usa nei suoi confronti, fa già sorridere il pubblico.

Persino mentre la donna, per liberarsene, lo cede a due venditori di bare, il tutto appare poco tragico, probabilmente anche grazie al marcato accento siciliano della coppia. Un meccanismo che si ripete spesso: ogni personaggio ha infatti un accento regionale che lo contraddistingue. Questo aiuta sia la riuscita comica delle battute, scatenando spesso le risate del pubblico, sia una migliore caratterizzazione dei personaggi. Un esempio è la rappresentazione di Faggin (Matteo Cirillo), reso come il classico tipo del romano sornione, sempre in voga nella commedia italiana. Una caratterizzazione che si adatta benissimo al personaggio originale, sempre attivo negli intrallazzi di un sottoproletariato inglese che vive di espedienti.

Elementi di metateatro – come l'atteggiamento disinvolto di Faggin che, entrando in scena, offre dei bruscolini a una signora in platea - sono utilizzati per rompere la finzione scenica e provocare l'ilarità del pubblico. Gli inseguimenti e in generale le scene più dinamiche, si svolgono in sala, costringendo spesso e volentieri a voltarsi per scoprire cosa stia combinando questo o quel personaggio. Un esempio ne sono anche i dialoghi tra il personaggio di Nancy, una prostituta dal cuore d'oro nel romanzo di Dickens – e con spassose velleità d'attrice in questa trasposizione – e un improbabile Faggin nei panni del regista stereotipato, con tanto di sciarpa, occhialetti e megafono. Meraviglioso il momento in cui lo vediamo sfogliare l'iconica rivista Sipario.

Divertente è anche un uso appropriato di 'tormentoni' ripetuti – ad esempio il “Ma sei un grande, daje” di Faggin. Anche le scene più drammatiche, come quella in cui Nancy grida contro Faggin e Bill  (il suo aggressivo fidanzato dal forte accento bolognese), sono rese comiche. E qui la menzione d'onore va alla regia: il fumo rosso che inonda Nancy mentre accusa i due criminali di avere le mani macchiate del sangue di Oliver, rende ancor più evidente l'eccessivo pathos della recitazione. In conclusione, un eccellente adattamento, in cui il dissacrante umorismo nero del romanzo è mantenuto, ma allo stesso tempo, pur nella commedia, non viene tradita la natura di romanzo sociale e di formazione del vecchio – sempre attuale – Oliver Twist.

Adattamento di Leonardo Ferrari Carissimi e Fabio Morgan

Regia di L. F. Carissimi

Interpreti: Annachiara Benedetto, Matteo Cirillo, Susanna Laurenti, Simone Musitano, Benedetta Russo, Enrico Torzillo, Riccardo Viola e Pietro Maria Virdis.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]