Venerdì, 27 Ottobre 2017 09:40

Roma Film Fest.“Miseria e nobiltà” restaurato, Totò di lassù si gode la scena

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA (nostro inviato) Cinquant’anni fa, nell’aprile   1967 moriva Antonio de Curtis, principe di Bisanzio, in arte Totò. I funerali nella chiesa di piazza Euclide a Roma richiamarono una folla immensa che riempì la piazza, peraltro vasta, e alcune vie circostanti. Fu un avvenimento, già allora mediatico: giornali e televisione si erano mobilitati.

Per ricordare Totò, la Festa del Cinema ha allestito nel foyer della sala Sinopoli all’Auditorio una mostra fotografica con immagini provenienti dall’archivio della Cineteca Nazionale. I frequentatori della Festa non mancheranno di visitare la mostra, doveroso omaggio a un inimitabile personaggio del cinema italiano. Ma non basta una mostra fotografica per ricordare Totò, meglio un film. Ed ecco tornare al pubblico, restaurato, uno dei suoi titoli più noti: Miseria e nobiltà, tratto dall’omonima commedia di Eduardo Scarpetta, diretto nel 1954 da Mario Mattoli, prodotto da Carlo Ponti e Dino De Laurentiis, allora ancora soci, con le musiche di Pippo Barzizza, e un cast che comprendeva Sophia Loren (che anni dopo avrebbe sposato Carlo Ponti) e Franca Faldini (che anni dopo avrebbe sposato Totò). Nel film Totò ha un ruolo indimenticabile: quello di felice Sciosciammocca, un povero diavolo che nella Napoli del tempo viveva di espedienti.

Il restauro, curato dal Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale, è stato particolarmente laborioso perché il film fu girato con una pellicola Ferraniacolor, particolarmente facile a deteriorarsi. L’impresa è stata affidata al direttore della fotografia Giuseppe Lanci che si è avvalso della collaborazione di un tecnico di Cinecittà, Pasquale Cozzupoli, particolarmente esperto di quel tipo di pellicola, la stessa che era stata usata due anni prima per girare Totò a colori, che resta uno dei primi film italiani a colori. Lo aveva coraggiosamente diretto Steno (il padre dei futuri fratelli Vanzina) che aveva osato l’inosabile, usando una pellicola i cui coloranti non tardavano a decomporsi. Si racconta che lo stesso Totò, saputo dei rischi ai quali andava incontro la lavorazione del film, un giorno sul set ebbe a dire: ”Affidiamoci a San Gennaro”. E il santo fece, evidentemente, il miracolo se ancora oggi Totò a colori è proiettabile, e si vede spesso in qualche televisione privata. 

Lo stesso vale per Miseria e nobiltà: il film restaurato è stato presentato il 9 ottobre scorso in una serata di gala al teatro San Carlo di Napoli, dove erano state girate alcune scene, e sarà proiettato nei prossimi giorni alla Casa del Cinema a Villa Borghese. Intanto, ha avuto una bella vetrina alla Festa di Roma. Antonio De Curtis, principe di Bisanzio, in arte Totò di lassù si sta godendo la scena.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: Siamo pronti ad affrontare lo tsunami digitale?

Siamo nel pieno delle sfide del mondo 4.0, una rivoluzione non solo industriale, ma anche personale e professionale.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077