Lunedì, 27 Luglio 2015 10:24

La camera azzurra. Un capolavoro di Simenon da portare in vacanza. Recensione

Scritto da

SAINT JUSTIN DU LOUP - “La camera azzurra” è un capolavoro di circa centocinquanta pagine scritto da George Simenon in brevissimo tempo: tra l’aprile e il maggio del 1963.

Un romanzo che rapisce il lettore e pone il suo autore, a lungo considerato unicamente scrittore popolare di noir, tra i grandi pubblicati dalla più importante collana letteraria del mondo, La Pleiade.  Riadattato numerose volte per il cinema e la televisione, senza timore di sbagliare consiglio di mettere questo testo in valigia a chi parte per le vacanze. 

“La camera azzurra” narra di Tony Falcone, venditore e riparatore di macchine agricole a Saint Justin du Loup nella regione di Poitiers, inviso ai francesi perché immigrato di origine italiana, sposato e con una figlia piccola, invischiato in una tempestosa relazione segreta con la passionale Andrée che incontra ogni giovedì in un albergo, nel quale affitta a ore una “camera azzurra”. Da subito siamo tra le lenzuola dei due amanti, seguiamo i loro dialoghi sospesi, le mezze frasi emotive e misteriose, elementi che portano a un viaggio dentro la psicologia dei protagonisti, attorno a cui ruotano personaggi della provincia retriva e bigotta: droghieri, avventori di caffè, poliziotti, giudici, avvocati. 

Il fulcro della storia è la passione ossessiva della donna per Tony Falcone, bello e amato fin dai banchi di scuola. Tony si lascerà sedurre, ricambiando solo in parte i sentimenti dell’altra, anzi a un certo punto – allertato da una sensazione inconscia di pericolo per l’esagerata frenesia di lei – matura l’intenzione di porre fine a quella relazione. Simenon indaga sugli effetti devastanti che può avere un amore extraconiugale inspiegabile e famelico, ritrae alla perfezione un microcosmo in cui l’infelicità dei personaggi cerca sfogo in spazi angusti e occultati, una stanza-quadrato contro il mondo. Narratore straordinario, attraverso dialoghi che tornano come refrains, semina sospetti, anticipazioni, deduzioni, che ci carpiscono fino alla fine. La quale, a sua volta, terminerà con uno sguardo imprevisto, che farà riflettere sull’ambiguità dell’amore e del delitto.

George Simenon

La camera azzurra

Pag 153

Adelphi editore 2015

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]