Mercoledì, 09 Dicembre 2015 14:30

Libri. “Il capolavoro sconosciuto” e “Pierre Grassou”, di Honoré De Balzac. Recensione

Scritto da

Due racconti nei quali il grande scrittore disserta sul senso dell’arte e sulla fama del presunto artista che non sempre corrisponde al valore reale

Parigi, 1612. Il maestro Frenhofer e l’allievo Poussin, nello studio del pittore Porbus, si confrontano sul concetto della perfezione figurativa. Frenhofer, il più anziano ed esigente, impartisce una lezione magistrale sulle trasformazioni della pittura che, cercando di svelare la realtà, annuncia nuove correnti. Inseguendo la perfezione che ricrea l’anima viva dei soggetti e non una loro copia su tela, Frenhofer si è isolato dal mondo e da più di dieci anni lavora a un’opera che sia insuperabile. Porbus e il giovane Poussin, accompagnati dalla bellissima fidanzata di quest’ultimo, si recano allo studio del maestro per ammirare il Capolavoro Sconosciuto, dal quale sperano di apprendere il segreto della creazione artistica. Il maestro è restio a mostrarlo come un innamorato geloso e si convince solo in cambio di poter ritrarre la stupenda ragazza che accompagna il discepolo: non per trasporto sessuale, ma per dimostrare che il suo lavoro non è da meno della bellezza naturale. Quando Frenhofer svelerà il suo quadro, questi si palesa un groviglio di colori e forme che suscita nei suoi osservatori uno sgomento che porta Frenhofer alla consapevolezza del suo delirio.  Con “Il capolavoro sconosciuto” Balzac vuole dirci che la ricerca della perfezione può condurre all’individualismo e all’incomunicabilità: il contrario di quel bene universale che è l’essenza stessa dell’arte. Il racconto è un mito letterario sul quale hanno meditato da Cezanne a Picasso, da Henry James a Rilke, da Croce a Calvino. Alcuni l’hanno visto quale testo profetico dell’astrattismo. Honoré de Balzac ci offre in definitiva ciò che intende per arte: lo strumento più elevato di comunicazione umana, capace di esprimere bellezza e suscitare emozioni.

“Pierre Grassou “fu scritto nel 1839 ed è ambientato nella Parigi di quel periodo. Grassou è un mediocre pittore, che riesce a vivere del suo mestiere grazie al fatto che un mercante gli comanda copie dei gran maestri. Arrivato all’acclamazione del pubblico per un unico soggetto fortunato, Grassou è cosciente della propria inadeguatezza. Sposa la figlia di un borghese molto ricco e suo suocero gli mostra la propria pinacoteca con i quadri dei pittori più famosi, quali Rembrandt e Rubens. Grassou scopre allora che si tratta di copie fatte da lui e spacciate per autentiche dallo spregiudicato mercante. Poiché Grassou è un uomo onesto, confessa la verità al suocero, che non si scompone e si convince ancor più della sua grandezza. In questo secondo racconto Balzac mette in luce come la fama di una persona non corrisponda alle sue reali capacità e come solo il tempo renda, qualche volta, a ciascuno il suo valore reale.

Honoré de Balzac

Il capolavoro sconosciuto

Pierre Grassou

A cura di Davide Monda

Testo francese a fronte

BUR classici moderni

Euro 10


Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]