Venerdì, 04 Agosto 2017 10:01

Roma mia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La mia bella città.

Ogni suo angolo

è testimone di fatti

dimenticati.

La storia ci dice

dove è stato ucciso

un martire.

Dove sepolta è una santa

La nascita d’un pittore.

Tutto questo nelle strade

millenarie di Roma.

Lei sta seduta su un dedalo

di gallerie, cimiteri catacombe.

E’ un trono che le spetta

è lo spirito di una romanità

che si adagia sopra i tetti

delle vie frastagliate

dove transita la storia e la vita.

Quella vita ingabbiata

in un busto di marmo… al Pincio.

I suoi occhi spenti

sembrano aver fame di vita

e cercano di scavare

dietro le maschere umane

il vero volto degli uomini.

Roma è vita, la stessa

che ci ricorda di averla

soltanto in prestito.

Solo la città eterna nel vespro

di una ininterrotta preghiera

dopo ogni tramonto

si desterà per chi la ama

e ne canterà la magnificenza sua.

Mirella Narducci

Last modified on Venerdì, 04 Agosto 2017 10:03

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077