Menu
Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

BRUXELLES - Un anno dopo gli "spaventosi attacchi" del 22...

Francia. Fillon accusato di "falso" e "truffa aggravata"

Francia. Fillon accusato di "falso" e "truffa aggravata"

PARIGI - Si aggrava la posizione penale di Francois Fillon mentre si...

XXV Giornata mondiale dell’acqua dedicata alle acque reflue

XXV Giornata mondiale dell’acqua dedicata alle acque reflue

In Italia la maladepurazione ci costa 62,69 milioni di euro...

Musica Classica alla SalaUno

Musica Classica alla SalaUno

ROMA - Prosegue la programmazione di musica classica 2017, alla...

Prev Next

Sul campanilismo italiano e le sue strane forme

Sul campanilismo italiano e le sue strane forme

Brevi riflessioni su prosopopea, ignoranza, paura e balletti vari intorno ai nuovi direttori di museo

ROMA - Sempre i soliti stranieri che vengono a toglierci il lavoro ( e le donne)! Manco a dirlo, questa è stata la reazione degli italiani alla notizia della nomina degli ultimi direttori voluti dal Mibac per venti dei suoi musei.

Molto si è discusso (si è polemizzato per la verità) sulla nomina di 7 stranieri. Dal leghista e il noto forzista al candido 5stelle da cui, certamente, non ci si può aspettar altro, dal popolo dei social fino a Philippe Daverio e Vittorio Sgarbi.  

Al di là delle critiche su cui non desidero soffermarmi, perché molto se n’è parlato ed io solo l’ennesima voce a favore di un concorso pubblico internazionale aperto a competenze e professionalità che – tanto – saranno affiancate da personale italiano in grado, eventualmente, di accompagnarle anche nelle faccende amministrative (mi riferisco alle dichiarazioni sull’incompetenza degli stranieri sul diritto italiano…), quello che trovo interessante, in questa faccenda, è la comunicazione mediatica.

Il 95% della stampa italiana ha scelto di puntare sul tema “straniero”. Non cavalcando tanto neppure la questione par condicio o quote rosa (10 uomini 10 donne), nel dare la notizia ha fatto leva sull’italico rifiuto dell’altro, mascherato da campanilismo e minato solo da giovani marocchine, modelle australiane o pornostar ceche.

È evidente, la xenofobia vende. Gli italiani (non posso neppure dire l’italiano medio, a questo punto) sono pregiudizievoli verso gli stranieri, fossero anche europei, come sottolinea la stampa... Si arriva a dichiarare preferenze per italiani poco preparati e a rifiutare un concorso pubblico  piuttosto che ammettere platealmente che il sistema adottato finora non ha funzionato. 

L’italiano è un animale strano, è un tuttologo perlopiù ignorante sui temi e la realtà di cui parla, se ne frega del proprio Paese, ma è pronto a difenderlo contro minacciosi barbari, beve coca cola, mangia da Mc Donalds, fa la spesa da Auchan, ma si mobilita per la direzione dei musei (che non frequenta)  invasi da colonizzatori culturali, tocca il culo a soubrettine polacche ma sfodera la spada contro la presunta umiliazione dei ministeriali italiani. Si vanta di aver inventato la conservazione dei beni culturali e manda in malora il proprio patrimonio.

La caccia allo straniero funziona. Lo spettacolo pure funziona, paga più dell’arte visiva, più del Cinquecento o del contemporaneo.  Ma forse l’italiano medio (ora posso dirlo) questo non lo sa.

Ultima modifica ilVenerdì, 21 Agosto 2015 17:06
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208