Mercoledì, 03 Ottobre 2012 18:37

Usa. Primo duello tv Obama-Romney. La volata parte stanotte da Denver

Scritto da

ROMA - Barack Obama e Mitt Romney, dopo tanta strada percorsa in giro negli Stati Uniti e dopo tanti scontri a distanza si ritroveranno stasera faccia a faccia.


L’occasione sarà quella del confronto televisivo che in diretta mondiale da Denver raggiungerà i quattro angoli del pianeta, ma soprattutto gli elettori americani. Le elezioni presidenziali si avvicinano a gran ritmo: il 6 novembre, election-day (si svolgeranno in concomitanza anche le elezioni parlamentari per la Camera dei rappresentanti e per 33 dei 100 seggi del Senato, le elezioni governative in 13 Stati e le elezioni amministrative locali), è vicino, e ogni mossa a questo punto può essere determinante.
Ancor più se si tratta di un confronto televisivo, che negli USA – patria della tv, dell’immagine e della comunicazione – assume un ruolo fondamentale nella scelta di preferire un candidato o l’altro. In particolare per quell’ampia fascia di elettori che si dichiarano ancora indecisi.
Obama e Romney hanno studiato nei minimi dettagli i loro argomenti, quelli su cui mettere in difficoltà l’avversario, i tempi e i modi della loro comunicazione.
Obama appare più esperto e più capace di catalizzare il consenso nelle comunicazioni dirette con gli elettori.
Romney ha dalla sua il bilancio, non del tutto positivo, del primo mandato di Obama e le difficoltà economiche che l’attuale Amministrazione non è riuscita a superare.
Ma i sondaggi, anche quelli dell’ultima ora, dicono Obama.
Secondo l’ultimissimo sondaggio a cura del giornale economico Wall Street Journal e del network televisivo NBC, il presidente uscente sarebbe in vantaggio di ben 5 punti percentuali sul rivale Repubblicano, e manterrebbe 2 punti di vantaggio anche nel gradimento specifico sulla politica economica: proprio il campo in cui Obama sembrerebbe più traballante e in cui Romney si candida invece a portare una svolta.
Lo stesso divario a favore del candidato presidente Democratico è rappresentato dal sondaggio del New York Times, realizzato in collaborazione con la CBS.
Ma nel sistema elettorale americano la conta non si fa a livello nazionale, bensì a livello di Stati e dei grandi elettori ad essi collegati. Anche in questo caso però, Barack Obama è in vantaggio, con tre probabili affermazioni persino in Stati difficili per i Democratici come Virginia, Wisconsin e Colorado. 
Stasera Obama ha due risultati su tre: l’importante è non perdere. Solo il confronto tv ci dirà però se la sua tattica sarà di attesa o di attacco.

 

Sergio Vasarri

Docente alla alla Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Siena

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]