Mercoledì, 03 Ottobre 2012 18:37

Usa. Primo duello tv Obama-Romney. La volata parte stanotte da Denver

Scritto da

ROMA - Barack Obama e Mitt Romney, dopo tanta strada percorsa in giro negli Stati Uniti e dopo tanti scontri a distanza si ritroveranno stasera faccia a faccia.


L’occasione sarà quella del confronto televisivo che in diretta mondiale da Denver raggiungerà i quattro angoli del pianeta, ma soprattutto gli elettori americani. Le elezioni presidenziali si avvicinano a gran ritmo: il 6 novembre, election-day (si svolgeranno in concomitanza anche le elezioni parlamentari per la Camera dei rappresentanti e per 33 dei 100 seggi del Senato, le elezioni governative in 13 Stati e le elezioni amministrative locali), è vicino, e ogni mossa a questo punto può essere determinante.
Ancor più se si tratta di un confronto televisivo, che negli USA – patria della tv, dell’immagine e della comunicazione – assume un ruolo fondamentale nella scelta di preferire un candidato o l’altro. In particolare per quell’ampia fascia di elettori che si dichiarano ancora indecisi.
Obama e Romney hanno studiato nei minimi dettagli i loro argomenti, quelli su cui mettere in difficoltà l’avversario, i tempi e i modi della loro comunicazione.
Obama appare più esperto e più capace di catalizzare il consenso nelle comunicazioni dirette con gli elettori.
Romney ha dalla sua il bilancio, non del tutto positivo, del primo mandato di Obama e le difficoltà economiche che l’attuale Amministrazione non è riuscita a superare.
Ma i sondaggi, anche quelli dell’ultima ora, dicono Obama.
Secondo l’ultimissimo sondaggio a cura del giornale economico Wall Street Journal e del network televisivo NBC, il presidente uscente sarebbe in vantaggio di ben 5 punti percentuali sul rivale Repubblicano, e manterrebbe 2 punti di vantaggio anche nel gradimento specifico sulla politica economica: proprio il campo in cui Obama sembrerebbe più traballante e in cui Romney si candida invece a portare una svolta.
Lo stesso divario a favore del candidato presidente Democratico è rappresentato dal sondaggio del New York Times, realizzato in collaborazione con la CBS.
Ma nel sistema elettorale americano la conta non si fa a livello nazionale, bensì a livello di Stati e dei grandi elettori ad essi collegati. Anche in questo caso però, Barack Obama è in vantaggio, con tre probabili affermazioni persino in Stati difficili per i Democratici come Virginia, Wisconsin e Colorado. 
Stasera Obama ha due risultati su tre: l’importante è non perdere. Solo il confronto tv ci dirà però se la sua tattica sarà di attesa o di attacco.

 

Sergio Vasarri

Docente alla alla Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Siena

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]