Mercoledì, 27 Luglio 2011 17:18

Sarkozy spende 260 milioni di euro per un aereo. Altro che austerity francese

Scritto da

PARIGI - I francesi non sono spesso un modello per i nostri politici, hanno uno stato forte e centralizzato, una bassa evasione fiscale e leggi chiare, ma in un campo potrebbero diventare la nuova pietra di paragone della classe dirigente italiana.


Mentre da noi si sta ancora a far chiacchiere sulle auto blu, sulla cilindrata, l’uso eccetera il premier francese Nicolas Sarkozy si è tolto uno sfizietto da quasi 260 milioni di euro, un aereo di altissima rappresentanza che il Times ha simpaticamente ribattezzato Air Sarkò One.


E diciamolo pure che leggere di due forni elettrici montati sull’aeroplano e costati 75mila euro potrà anche far sorridere, visto che si tratta di soldi dei nostri cugini d’oltralpe, ma sapere che la loro installazione è costata altri 694.312 euro, necessari per gli studi di fattibilità del sistema di sicurezza e del corredo di alcune saracinesche elettriche, e che installare queste saracinesche è costato a sua volta 310.245 euro, il tutto emerso da un rapporto della Corte dei Conti francese che è stato consegnato mentre il presidente si accinge a chiedere al Parlamento di approvare pesanti tagli alla spesa pubblica per risanare il deficit francese, fa davvero passar la voglia di sorridere.
E forse non è un caso se oltre a dotare l'Air Sarko One di un DVD player, una macchinetta Nespresso, una doccia e un ampio letto matrimoniale, Sarkozy abbia deciso di spendere 1.161.500 euro per blindare una porta che conduce al suo ufficio personale a bordo dell'Airbus A330. Un segnale materiale di separazione dalla realtà circostante, un segnale di separazione tra le classi dirigenti, tutte le classi dirigenti, ed i loro popoli. Con una cinghia che sembra stringersi sempre di più per i meno fortunati e diventa sempre meno sopportabile vedendo chi non sembra avere alcun dubbio sulla necessità di certe ‘spesucce’.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]