Domenica, 11 Giugno 2017 12:01

Ma davvero i grillini sono intoccabili?

Scritto da

Gli italiani stanno per prendere una nuova sbornia politica 

A  Roma non funziona nulla: i rifiuti dilagano perché l’azienda municipale per l’ambiente non è in grado di raccoglierli al ritmo che servirebbe, i trasporti pubblici sono un disastro perché l’azienda comunale non riesce a offrire un servizio efficiente (e assiste impotente ai ripetuti incendi dolosi che distruggono i suoi autobus più moderni).

Basterebbero queste due voci per crocifiggere il sindaco. Invece, a criticare  Virginia Raggi è solo l’uomo della strada, il cittadino che vive sulla propria pelle i disagi del malgoverno capitolino. A tacere nel migliore dei casi, se non  addirittura a difendere la giovane sindaca, sono invece i politici, i giornali, le istituzioni.

Contro il sindaco Marino partì una campagna di odio  che lo costrinse alle dimissioni quando osò parcheggiare la sua Panda rossa fuori dalla strisce.  Oggi, se fosse ancora sindaco, avrebbero rialzato nuovamente la ghigliottina in via dei Cerchi, come fu per i carbonari  Monti e Tognetti nel 1868, due anni prima della presa di Roma  a Porta Pia da parte dei garibaldini.

A Torino, in piazza San Carlo, la sconsiderata idea di mettere un maxi-schermo per far seguire a quante più persone possibile una partita della Juventus, ha fatto 1750 feriti, fra le quali due donne ancora in ospedale e un bimbo cinese che ha rischiato di morire. Alle immagini televisive della tragedia l’Italia è rabbrividita,   ma  nessuna voce si è levata contro  la sindaca grillina  sulla  quale grava la responsabilità oggettiva dell’accaduto. E’ stata la stessa Appendino a dire che era pronta ad assumersi tale responsabilità, anche con le dimissioni, ma nessuno le ha chieste. 

Il dibattito che sta dividendo l’Italia vede i grillini contrari ai vaccini: avete mai visto sui giornali o in tv  una seria polemica su questa presa di posizione che pone il partito/movimento  di Grillo sullo stesso piano di quelli che negano il riscaldamento globale (come sostiene Trump), lo sbarco sulla Luna, lo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti? No, sui Cinquestelle anti-vaccini silenzio reverenziale.

Ma davvero i grillini oggi sono intoccabili? Sembra di si, a leggere le cronache che li riguardano. In televisione, a Otto e mezzo, Marco Travaglio non nasconde più davanti a Lilli Gruber le sue simpatie grilline, lui che fino a poche settimane fa era un campione della sinistra barricadera.  E alla nomina a direttore generale della Rai  di Mario Orfeo una sola voce si è levata contraria: quella di  Carlo Freccero che  è intervenuto a nome dei Cinquestelle, lui che è stato per anni una bandiera della sinistra di lotta.  Oggi gli vanno bene anche i grillini, che tutto sono meno che di sinistra. 

I maligni insinuano che molti si stanno preparando a salire   sul carro del prossimo vincitore. A chi ha qualche primavera di troppo sulle spalle questa Italia di oggi ricorda molto quella della vigilia del 1922, quand’erano i fascisti la novità che attirava la curiosità dei benpensanti. “Vuoi vedere che questi metteranno a posto le cose?” si diceva nei caffè intorno a piazza Venezia.  Alcuni decenni dopo qualcuno si sbilanciava: “Meno male che Silvio c’è!”. E inascoltata rimase per vent’anni la voce di Indro Montanelli che ammoniva: ”Bisogna aspettare che agli italiani si facciano passare la sbornia per Berlusconi”. Per definire  il giovane vice-presidente della Camera Di Maio i giornali spesso scrivono ”il candidato premier”, come dire: è inutile nasconderselo, sarà lui il prossimo presidente del consiglio.

Oggi  tutti pazzi per Beppe  Grillo?  “E’  così che vanno le cose al mondo”: scriveva il  Manzoni nei  Promessi sposi. D’altronde perché meravigliarsi? Gli americani non si sono dati un presidente come Donald Trump solo perché era un personaggio televisivo popolarissimo, come da noi è stato Mike Bongiorno? E gli inglesi non hanno votato per uscire dall’Europa senza sapere cosa stavano facendo e già se ne sono pentiti? Beppe Grillo non potrà diventare capo del governo perché a suo tempo è stato  privato dei diritti civili, come anche  Berlusconi. Ma il giovane napoletano Di Maio, che è tuttora incensurato, ce lo potremmo ritrovare un giorno a Palazzo Chigi e qualche anno dopo  addirittura al Quirinale. 

Ma anche quel giorno i grillini saranno intoccabili? 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]