Domenica, 29 Agosto 2021 10:38

Globe Theatre: i giovani dell'accademia Silvio d'Amico rendono “Misura per Misura” un capolavoro

Scritto da

“Misura per misura” di William Shakespeare in scena sino al 29 giugno, al “Gigi Proietti” Globe Theatre di Roma, ha allietato il pubblico, catturandone l'attenzione e il favore. La regia del 35enne Giacomo Bisordi - un esordiente già noto al pubblico per le sue collaborazioni col teatro di Roma con Peter Stein e altri registi internazionali – sceglie di aderire al testo magistralmente ma con una messa in scena originale, ironica e ricca in colore, che alleggerisce i toni e convince.

Si apre la scena con la fuga del Duca che si interroga sull'autentico significato del termine “governare”, soprattutto in una città ormai allo sbando, in balia della prostituzione e lascia le redini del comando al severo Angelo, un giovane amministratore, noto per la sua moralità e il suo “pugno duro”.

Sulla scena a folcloristici e comiche presenze di prostitute e “maitresse” ornate di boa piumate che intonano arie allegre, tra i quali spicca “Pompeo” un divertentissimo mezzano “en travesti” in vistosi abiti femminili, si passa all'esposizione del patibolo per una coppia rea di aver consumato un rapporto sessuale prima delle nozze. Stridente è il contrasto tra l'atmosfera rilassata e gaudente del precedente governo  e l'eccessiva severità del nuovo reggente Angelo, che condanna a morte due giovani, colpevoli soltanto di essersi amati “troppo presto”. Ed è qui che si entra nel vivo della tragicommedia: per salvare la vita a Francesco, condannato a morte per atti impuri, intercede sua sorella Isabella una giovanissima novizia, richiamata da un amico preoccupato per le sorti del ragazzo.

Gli elementi drammaturgici tragici subiscono un rovesciamento di prospettiva in perfetto stile shakespeariano: lo stesso governante da severo diviene lascivo, vittima delle stesse pulsioni che vuole sanzionare negli altri, tanto da ricattare la novizia, chiedendole la sua verginità in cambio della vita del fratello. Un vero e proprio oltraggio alla virtù che la giovane non può accettare e racconta a suo fratello Francesco, in carcere, e alla presenza di un frate, che in realtà è il duca stesso in incognito. Il duca che, al momento opportuno riporterà la pace in città, assurgendo a “deus ex machina” in grado di applicare la giustizia “secondo misura”, senza eccessi inumani. Una messa in scena di più di due ore, dove a voci suadenti che intonano musica leggera, si alternano balli e gag comiche. in cui spicca la bravura di questi giovani attori: tutti studenti dell'accademia d'arte drammatica “Silvio d'amico”, che restituiscono ai fasti un'opera shakespeariana molto discussa, per l'eccesso drammaturgico.

«Siamo stati aderenti all'originale, con uno scarto minimo di battute, ma soprattutto abbiamo lavorato in sintonia col regista, che ci ha trasmesso la sua visione»  racconta Marco Fanizzi in arte “Gomito”. Una visione, che oserei definire esilarante e vincente nella sua preziosa semplicità.

“Misura per Misura” di William Shakespeare

 in scena al Gigi Proietti Globe Theatre sino al 29 luglio ore 21,

per la regia di Giacomo Bisordi e traduzione e adattamento
Cesare Garboli

Bargello:
Matilde Bernardi

Claudio:
Lorenzo Ciambrelli

Bernardino, Frate Tommaso:
Flavio D’Antoni

Angelo:
Michele Lorenzo Eburnea

Pompeo:
Adriano Exacoustos

Gomito, Boia:
Marco Fanizzi

Isabella:
Chiara Ferrara

Giulietta, Francesca, un Giudice:
Francesca Florio

Lucio:
Diego Giangrasso

Duca:
Jacopo Nestori

Madama Sfondata, Frate Pietro:
Eleonora Pace

Escalo:
Gabriele Pestilli

Marianna:
Zoe Zolferino

Traduzione e adattamento:
Cesare Garboli

Assistente alla Regia:
Marco Corsucci

Scene:
Massimo Troncanetti

Costumi:
Francesco Esposito

Musiche originali:
Vadalà

Movimenti di scena:
Marco Angelilli

Direzione tecnica:
Stefano Cianfichi

Light Designer:
Umile Vainieri

Sound Engineer:
Daniele Patriarca

bianco.png