Martedì, 03 Maggio 2022 09:54

“Il naso o la cospirazione degli anticonformisti “di Andrey Khrzhanovsky, ovvero la recente storia russa

Scritto da

Per rendere omaggio agli artisti e intellettuali che si opposero alle imposizioni culturali del regime staliniano e ne subirono le ben note, tragiche persecuzioni, l’anziano regista Andrey Khrzhanovsky, nato a Mosca nel 1939, nel suo film “Il naso o la cospirazione degli anticonformisti” che definire tout court d’animazione è riduttivo, si è ispirato a due capolavorii:

il racconto Il naso di Gogol e l’omonima opera buffa di Sostakovic, (che in vecchiaia autorizzò personalmente il regista di cui era amico ad usare la sua musica per farne un’opera filmica). Due personaggi che hanno conosciuto il rigore della censura sovietica e più volte sono passati dalla polvere agli altari, vedendo alternativamente riconosciuto il proprio valore artistico ma subendo ugualmente gli attacchi del potere dispotico. Che lo stesso Khrzhanovsky ha incontrato, fin dal suo secondo film, The glass harmonica, incappato nel 1978 nelle maglie della censura sovietica. Oggi, da ottantatreenne, Andrey Khrzhanovsky rivendica il suo spirito libertario: nel marzo scorso insieme con altri registi, tecnici e artisti del cinema d’animazione russo ha firmato una lettera di dissenso contro l’invasione russa dell’Ucraina.

                  Per chi non lo conoscesse, Il naso è il racconto più famoso di Gogol: con umorismo finemente russo, è la storia di un modesto funzionario, il maggiore Kovalev, che una mattina si sveglia senza più il naso piantato sulla faccia. Disperato, ne denuncia la sparizione alle autorità che stentano a credergli fino a quando non si scopre che il naso, dotato di vita propria e indipendente dal viso del maggiore Kovalev, se ne va in giro per la città pavoneggiandosi come un consigliere di Stato. Il commento musicale non è da meno, le note di Sostakovic sono bellissime, il lieto fine assicurato, ma il film è molto amaro: fra i disegni animati che ne compongono la base troviamo le immagini delle purghe staliniane, delle persecuzioni, le fucilazioni, come la strage dei contadini kulaki, i filmati d’epoca degli uomini del Cremlino in bella posa, le parate militari sulla piazza Rossa, in certi momenti sembra di assistere ad uno dei telegiornali di questi ultimi due mesi.

             La storia recente dell’Unione Sovietica e della Russia che ne è derivata, è tutta qui, in poco più di un’ora di immagini a colori montate con straordinaria efficacia da Andrey Khrzhanovsky, la figura più rappresentativa della tradizione del cinema d’animazione russo. In rapida successione, ci sono tutti i protagonisti di un secolo di vita sulle rive del Don, da Stalin ai suoi ministri Molotov e Mikoyan, dallo scrittore Bulgakov, l’autore de Il maestro e Margherita, ad una sequenza de La corazzata Potiemkin, il capolavoro di Sergeji Eisenstein, fino a Vladimir Putin e i suoi carrarmati.  L’opera è stata designata” Film della Critica” dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI con la seguente motivazione: “Ci sono momenti in cui il cinema riesce a cogliere il senso della Storia, e la tragedia dell’umano. Il regista russo, partendo da Gogol e Šostakovič, utilizza diverse tecniche di animazione, e le sposa con brani di film sovietici per raccontare la ciclica ricaduta nella repressione politico/ideologica in Russia e ribadire il ruolo delicato e centrale della cultura. La messa in scena dell’utopia di un’arte rivoluzionaria da mettere a servizio di un popolo rivoluzionario, scacciata via dalla “cospirazione” del Potere centrale verso gli intellettuali”.

Titolo Originale: NOS ILI ZAGOVOR NETAKIKH

Regia: Andrey Khrzhanovsky

Interpreti: Lyudmila Antonova, Naum Kleiman, Sergey Barkhin, Dmitry Krymov, Inna Krymova, Kama Ginkas, Yuri Rost, Anton Dolin, Katia Skanavi, Viktor Golyshev, Leonid Fedorov, Elena Golysheva, Lidiya Fedorova, Andrey Golyshev, Chulpan Khamatova, Mariya Zhavoronkova, Denis Shibanov, Elena Kasatkina, Andrey Khrzhanovsky, Anatoly Vasiliev

Durata: h 1.29
Nazionalità:  Russia 2020
Genere: animazione
Al cinema dal 5 Maggio 2022

bianco.png