Sabato, 14 Maggio 2022 17:54

Ricerca. Scoperto un nuovo gene che conferisce resistenza al trattamento del cancro alla prostata

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La ricerca dei ricercatori della Northwestern Medicine. Lo studio è stato pubblicato su Cancer Research

Il target del percorso a valle di questo gene potrebbe invertire la resistenza terapeutica e migliorare i risultati per i pazienti con cancro alla prostata, secondo John T. Grayhack, Professore in urologica e vicepresidente per la ricerca nel Dipartimento della Northwestern University Feinberg School of Medicine, a Chicago e Sarki Abdulkadir, professore di patologia.

"Dobbiamo affrontare il problema della resistenza alla terapia, poiché potrebbe diventare un ulteriore problema in futuro", ha precisato Abdulkadir.
Il cancro alla prostata rappresenta la seconda causa di mortalità nel mondo tra gli uomini. Gli inibitori della via dei recettori degli androgeni (ARPI), che limitano l'uso degli ormoni androgeni e del loro recettore (AR) su cui si basa il cancro alla prostata, sono stati il ​​cardine della cura per oltre 60 anni.

Tuttavia, la maggior parte dei tumori della prostata metastatici alla fine svilupperà resistenza all'ARPI, con i tumori che alla fine ridurranno la loro dipendenza dagli androgeni e dall'AR, rendendo l'ARPI inefficace.

In questo studio, Abdulkadir e i suoi collaboratori, tra cui Yara Rodriguez, una studentessa del Driskill Graduate Program in Life Sciences (DGP) e borsista dell'American Association of University Women hanno condotto uno screening genetico imparziale per cercare gli strumenti con cui il cancro alla prostata effettua questa trasformazione.

I ricercatori hanno esaminato quasi 20.000 geni, aumentando l'attivazione dei singoli geni nelle cellule e sfidando quelle cellule con enzalutamide, un farmaco ARPI comune. Molti geni, quando sovraregolati, hanno conferito resistenza alla terapia, ma uno in particolare ha attirato l'attenzione di Rodriguez: il PRRX2.

L'indagine su un database genetico di pazienti con cancro alla prostata ha rivelato che i pazienti con PRRX2 sovraregolato tendevano ad avere una sopravvivenza peggiore rispetto ad altri pazienti, specialmente in quelli con cancro AR-negativo, il che di solito significa che avevano sviluppato resistenza alla terapia.

I ricercatori hanno anche svelato i percorsi funzionali attraverso i quali opera PRRX2 , scoprendo che quando sovraregolato, aiuta ad attivare il ciclo cellulare, aumentando la divisione cellulare, oltre a inibire l'apoptosi o la morte cellulare programmata.

Sebbene le connessioni precise tra PRRX2 e insensibilità agli androgeni rimangano ancora poco chiare, il PRRX2 ha chiaramente un ruolo da svolgere e l'inibizione di questi percorsi a valle potrebbe mitigare la resistenza terapeutica. Questo è particolarmente importante in futuro, poiché la sopravvivenza più lunga e la proliferazione della terapia ADT hanno aumentato drasticamente la popolazione di pazienti con cancro alla prostata AR-negativo, secondo i ricercatori.

bianco.png