Martedì, 24 Marzo 2015 09:15

Teatro Sala Uno. Fuoco su tre sorelle di Antov Cechov. Recensione

Scritto da

Al Teatro Sala Uno la rappresentazione teatrale di Viviana di Bert

ROMA - Le apparenze si sa, a volte, ingannano e la rappresentazione scenica delle Tre Sorelle di Anton Cechov da parte di Viviana di Bert che si è tenuto nel teatro Sala Uno ne è forse la riprova.

L’adattamento teatrale infatti va oltre il mero racconto e si appropria di scene della vita dei protagonisti montando e smontando ciascuna parte rappresentata creando armonie nuove e portando in luce le intime contraddizioni della società borghese dell’epoca.

Sono le inquietudini di un’epoca che volge al tramonto, in particolare quelle legate al tema dell’identità e dei limiti fisici e sociali dell’individuo che vorrebbe emergere ma che non può perché vincolato dalla società.

Qui ogni spettatore può davvero riconoscersi e ritrovarsi, capire quale è la propria posizione nel mondo, indovinare  la propria intima realizzazione e il proprio fallimento.

Si, perché l’adattamento di Viviana di Bert e della sua compagnia teatrale punta l’indice proprio sui fallimenti dei personaggi che non hanno realizzato i propri sogni e ora si muovono storditi in un mondo in frantumi.

E in questo ambiente straniante ritroviamo a vagare le tre sorelle Masa, Olga e  Irina che sono rimaste schiacciate da un ingranaggio a loro sconosciuto e che hanno visto dissolversi i loro desideri senza ritrovarsi nulla in mano.

Personaggi emblematici, unici, di un tempo storico che ci appartiene e che sono resi particolarmente vivi e realistici dall’interpretazione esemplare rispettivamente, di Elena Capparelli, Francesca La Scala e Giulia Pinzari.

In particolare, Masa di Elena Capparelli ci colpisce per la profondità della tensione emotiva e per la qualità timbrica della voce che rende ancora più drammatica e di sicuro spessore l’intima complessità del personaggio coinvolgendo lo spettatore nei suoi più reconditi recessi psicologici per arrivare a scoprire una realtà diversa, straniata, lucida e terribilmente vera.

La rappresentazione scenica di Viviana di Bert ha saputo cogliere l’essenza del dramma teatrale di Anton Checov mettendo in luce tutte le contraddizioni di un mondo destinato a dissolversi e ponendo l’accento sul grigiore di una realtà che attende amaramente le tre sorelle.

Lo spettacolo si incentra sul pensiero forte e necessario dello scorrere del Tempo, tanto caro all’autore russo, ed è pensato in movimenti, come un’opera musicale

Si tratta del Tempo con la T maiuscola, quello che scorre e travolge ciascuno di noi, ci trascina inesorabilmente tra i suoi flutti facendo scomparire gli attimi felici che pur abbiamo avuto, che pur abbiamo assaporato, in un fragoroso silenzio.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]