Mercoledì, 24 Maggio 2017 13:06

"Sogno una società materna e autorevole”. A colloquio con Livia Turco

Scritto da

Livia Turco, ex parlamentare e ministro della Salute, già ministro della Solidarietà sociale, continua a impegnarsi attivamente per la “Res Publica” e ancora oggi è in prima linea per salvaguardare i diritti dei più fragili: donne, giovani e immigrati.

Presidente della Fondazione Nilde Iotti, al centro di iniziative culturali, sociali e politiche in rosa e del Comitato d'Indirizzo dell'Istituto Nazionale Malattie Povertà e Immigrazione (INMP) con sede a Roma, pone tra le sue priorità l’uguaglianza di genere e il rispetto degli indigenti nel mondo. Ed è appunto sulla maternità realizzata e quella negata che si incentra il suo nuovo libro: "Per non tornare al buio. Dialoghi sull'aborto” a cura di Chiara Micali, edito da Ediesse. 

Una lettera aperta ai più giovani e alle parti sociali per riflettere sul significato di essere genitori e sul diritto all’interruzione volontaria di gravidanza, garantito in Italia dalla legge 194/1978. «Una legge - spiega l’ex ministro - che ha condotto a un drastico calo degli aborti in Italia, circa il 70% in meno tra le italiane, a dispetto delle straniere. Ciò dimostra che solo in una società rispettosa della salute della donna e garantista si può fare prevenzione e andare oltre tale pratica. Per citare Papa Francesco nel discorso conclusivo del Giubileo della Misericordia: “Bisogna prendersi cura di queste donne che hanno subito questo dolore”.» Questo libro si pone come obiettivo di sollecitare una riflessione a tutto tondo su società, famiglia e i diritti dei più giovani a crearsi un proprio nucleo secondo il proprio orologio biologico e senza dover ricorrere a tecniche artificiali in età adulta, a causa della mancanza cronica di un lavoro e di politiche assistenzialistiche.

Chiarisce Livia Turco: « Ci troviamo di fronte a una società che è ostile alla maternità, al contrario, dobbiamo creare le condizioni affinché i nostri figli possano procreare all’età giusta, grazie alle opportunità di lavoro e a servizi sociali garantiti». Infatti, scende ancora, per l’Istat, il numero di figli nati nel 2016 a 474mila (un solo nato per famiglia) e con un’età media della popolazione di circa 45 anni , a fronte di un allarmante aumento della “fuga dei cervelli”: sono in 350mila gli under 30 a lasciare il Belpaese per altre capitali europee con più prospettive future. Un Paese che rischia di implodere, deprivato di forza lavoro e popolato da anziani. È un tema questo che sta molto a cuore all’ex ministro per la Solidarietà Sociale.

«Dobbiamo trasformarci in una società materna, accogliente. A tal proposito, nel mio libro, propongo di convocare un tavolo alla Presidenza del Consiglio per riunire tutti i ministeri e promuovere politiche sulla famiglia, a favore non solo delle madri ma anche dei padri, con una legge ad hoc che assicuri i congedi familiari per entrambi i genitori. Anche i padri devono potersi arricchirsi di quest’esperienza irrepetibile che è la cura del proprio figlio: un vero e proprio nutrimento per l’anima». E prosegue: «La società oggi ha bisogno di un nuovo umanesimo. Bisogna riscoprire il senso della comunità e della centralità delle relazioni umane. E tutto ciò è possibile, appunto, valorizzando i giovani e i loro talenti. Bisogna offrire più opportunità alle donne, che a parità d’istruzione e competenze, hanno più difficoltà nel trovare un posto di lavoro adeguato e retribuito al pari dei coetanei. Una disparità che ricade anche sulla società, negando a queste giovani donne la maternità e deprivandole della propria autonomia». Precisa: « Questo quadro sociale mi fa soffrire ed è per questo che dobbiamo batterci e progredire con iniziative concrete: provvedimenti legislativi nazionali e internazionali. Un primo passo verso una società democratica e paritaria è stato è il riconoscimento da parte del governo degli stessi diritti alle donne che lavorano in proprio: dobbiamo andare avanti in questa direzione».COPERTINA.jpeg

Un altro tema politico rovente è l’immigrazione. Per l’ex ministro è necessario attuare politiche sinergiche a livello transnazionale, che non prescindano dall’accoglienza. « Per quanto riguarda gli immigrati e i rifugiati è necessario attuare una politica europea dell’accoglienza fondata sulla cooperazione internazionale tra Stati e prendere a modello le esperienze positive di Germania e Svezia, incardinate sul lavoro e sull’insegnamento della lingua locale». Urge sostituire le politiche assistenzialistiche con misure di integrazione che offrano ai rifugiati opportunità di impiego e una vera e propria immersione culturale e linguistica nella nuova società. 

« Bisogna favorire una politica di unità nella diversità, con forum multietnici dove si valorizzino esempi virtuosi di convivenza, con condivisione di professionalità e talenti. Favorire, dunque, una pedagogia dell’esperienza e un rilancio dell’Unione Europea, l’unica Entità Sovranazionale che può garantirlo» 

«Il mio sogno è una società autorevole ma materna, che sappia prendersi cura della cittadinanza e fondare una nuova classe dirigente» conclude Livia Turco.  Una proposta concreta, non utopica se condivisa e abbracciata dai più, per una nuova società di madri, padri e figli responsabili.

 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Lago di Bracciano, cronaca di una morte annunciata

BRACCIANO (RM) - Continua l’agonia del lago di Bracciano. Poche gocce di pioggia cadute fra martedì e mercoledì non hanno portato alcun beneficio al livello del lago in lenta ma...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Roma. “La grande monnezza”, decalogo di un degrado da Oscar

Paolo  Sorrentino non ce ne voglia, ma il titolo del suo fortunato film non poteva non diventare il punto di partenza di una serie di calembour che giocano sulla rima...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208